Salta la cooperativa CdC di Modena (300 dipendenti): il gruppo Sicrea lavora al salvataggio

12/2/2015 – Il gruppo Sicrea di Reggiolo – nato dalle ceneri della Cmr in liquidazione e che nei giorni scorsi ha formalizzato l’acquisizione per 1,8 milioni il ramo d’azienda di un’altre gloriosa decaduta, la cooperativa Orion di Cavriago – è chiamato al capezzale della Cdc, Cooperativa di Costruzioni di Modena: un’altra cooperativa storica travolta dall’esplosione della bolla edilizia.
Una una ventina di giorni il presidente di Sicrea, Luca Bosi, è al lavoro con i suoi collaboratori e con le entità finanziarie del sistema Lega intorno all’ipotesi di una newco controllata al 100% dal gruppo reggiolese destinata ad assorbire le attività di Cdc, dove sono a rischio 300 posti di lavoro.
Questa mattina, giovedì, si riunisce il consiglio di amministrazione della Cdc per deliberare una richiesta di ammissione al concordato, che nell’immediato congelerebbe i debiti. Il giudice, se accoglierà la richiesta, dovrebbe poi assegnere un periodo di almeno sessanta giorni per la presentazione di un piano industriale.
L’impegno di Sicrea nel salvataggio (e per varie regioni del mondo coop reggiano) dipenderà da questi passaggi. I dirigenti di CdC intanto sono stati tutti licenziati nei giorni scorsi, e non si escludono le dimissioni del presidente Ivano Malaguti.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *