Reggio Emilia prigioniera di Big Snow

6/2/2015 – Reggio Emilia è sotto una coltre di neve. Da ieri alle 19,30 nevica ininterrottamente su tutta la provincia: la circolazione è praticamente inesistente, ma vengono egualmente segnalati automobilisti in difficoltà.
Big Snow ha colpito duro: la città si è svegliata questa mattina sotto un manto di venti centimetri, immersa in un silenzio irreale. I fiocchi continuano a scendere anche se con minore intensità rispetto alla notte. Sui marciapiedi si passa con difficoltà: in via Roma e in via Emilia, nel centro di Reggio, sono praticamente intransitabili. Il consiglio è di evitare di uscire di casa o di mettersi in viaggio se non strettamente necessario.

Chiusi per intransitabilità i caselli di Parma, Reggio Emilia e Terre di Canossa.

Chiuse numerose scuole anche in città: fra le altre la  Galilei centrale, Galilei Massenzatico, Collodi di Gavassa, San Bartolomeo, Rivalta, Ghiarda, Bagno, Cella, Cadè, gli istituti  Pascoli, Dante  e Zibordi.
In diversi plessi le aule sono rimaste al freddo: salti mortalidei genitori, richiamati per venire a prendere i figli.
Su Twitter il comune di Reggio ha comunicato che tre squadre di operai e altrettante dei Vigili del Fuoco sono al lavoro per la rimozione di piante e rami crollati sotto il peso della neve.

Dalle 6,30 di stamani, a causa del cedimento di una dell’alta tensione, mezza Castelnovo Monti e mezza Felina sono senza luce e al freddo. Dalle 13, grazie ai generatori d’emergenza, la luce sta tornando e la Protezione Civile sta portando pasti caldi alle persone anziane rimaste bloccate.
Un black out elettrico ha interessato da ieri sera anche le case di Corticella, nella zona di Bartolomeo: almeno cento famiglie sono rimaste al buio e con i riscaldamenti bloccate.
Numerose le scuole chiuse oggi in montagna: sino a ieri sera era stata decisa la chiusura a Baiso, Carpineti, Toano, Viano, Villa-Minozzo e Casina.
La protezione civile ha diramato un’allerta per il rischio
valanghe sopra quota mille sino a lunedì.

MS5: “INCAPACITÀ INVERNALE: STRADE IMPRATICABILI, CITTÀ
BLOCCATA, DOVE SONO GLI SPALANEVE?”

“Siamo in inverno e, da qualche giorno, tutti i media annunciano l’arrivo di una abbondante nevicata. Tutto normale, visto il periodo, e pure previsto e annunciato con grande anticipo.
Ma l’incapacità si vede anche da queste “piccole” cose. La città è bloccata, le strade non sono praticabili, manca la luce in tante parti della città, ma non si vedono mezzi spalaneve in giro, i normali servizi sono sospesi, le scuole sono aperte, con tutte le responsabilità in capo al personale e ai dirigenti scolastici.
Una cosa semplice, una programmazione di un eventi ampiamente anticipato dai meteorologi, ma la “città delle persone” si trova in ginocchio.
Chissà se vedremo il Sindaco con la pala in mano o col sacchetto di sale da cucina mentre si fa il selfie propagandistico alla Alemanno, certo che le conseguenze di tanta incapacità se le dovranno subire tutti i cittadini.
Rimaniamo in attesa delle mirabolanti manifestazioni proExpo, sperando che non nevichi durante la manifestazione, e altre grandi iniziative, per cui la credibilità di questa Amministrazione ormai rasenta lo zero”.
(Gruppo Consiliare Movimento 5 Stelle Reggio Emilia) 

FANTUZZI: DECINE DI SEGNALAZIONI DI DISAGI, PERCHÈ LE SCUOLE SONO RIMASTE APERTE?

Francesco Fantuzzi scrive a Reggio Report: “Ho ricevuto stamattina decine di segnalazioni di cittadine e cittadini che hanno sofferto i disagi della pesante nevicata di stanotte. Non intendo indulgere a facili polemiche, ma attenermi rigorosamente ai fatti.
E i fatti inchiodano il Sindaco (che l’altro ieri su internet inviava messaggi rassicuranti) alla proprie responsabilità.
Per tutto ciò, e all’esclusivo fine di comprendere cosa è accaduto, pongo a Vecchi tre semplici domande:
– perchè, quando la maggior parte delle previsioni meteorologiche evidenziava i rischi della situazione già dalla giornata di ieri, si è deciso di tenere comunque le scuole aperte, ponendo le famiglie nel caos più totale?
– perchè il sito del Comune ha cessato di fornire informazioni alle ore 16 sempre di ieri?
– dove sono finiti gli spazzaneve? Le strade sono in
condizioni imbarazzanti e diversi cittadini sono rimasti bloccati per ore.
Vecchi, rispondi alle tre domande, rispondi ai cittadini che rappresenti”.

AUTOSTRADE CHIUSE: IL MINISTRO LUPI CHIEDE CONTO

6/2/2015 – Il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, ha chiesto una relazione dettagliata alla Struttura di Vigilanza sulle Concessionarie Autostradali in merito alla chiusura di alcuni tratti autostradali a causa delle nevicate in corso. La struttura ha convocato per oggi alle 15 i vertici di Autostrade per l’Italia.

RIAPERTO L’AEROPORTO MARCONI DI BOLOGNA

L’Aeroporto di Bologna è stato riperto alle nove e i voli sono ripsi, sia oure con forti ritardi sugli orari di partenza.   Disagi anche per la circolazione stradale sulle strade di Bologna con molti autobus che procedono lentamente per le condizioni meteo.

TIR IN CODA SULLE AUTOSTRADE: CHIUSO IL TRATTO APPENNINICO DELLA A1

Continua a nevicare senza sosta sulla A1, dove però la coda dei Tir, per i quali è in atto un nuovo divieto di transito temporaneo sul tratto appenninico, è notevolmente diminuita.
La E45 allo svincolo di Cesena, in direzione Orte, a causa di un’intensa nevicata al valico del Verghereto, al confine fra Romagna e Toscana. Molti veicoli pesanti si sono riversati sulla E45, ma la maggior parte – rileva l’Anas – senza catene, determinando così forti rallentamenti e blocchi localizzati.

L’autostrada A13 da Padova Est a Bologna è stata completamente chiusa al traffico nelle due direzioni per una forte nevicata che sta interessando l’Emilia Romagna.

PROBLEMI NEL TRAFFICO FERROVIARIO

Difficoltà nella circolazione ferroviaria in tutto il nodo di Bologna. A causa delle forte nevicata, il traffico dei treni regionali sta subendo ritardi medi di 60 minuti e cancellazioni. In particolare la circolazione è sospesa sulle linee Bologna-Porretta e Bologna-Prato.

Nel nodo bolognese, alle 8.30, si registravano ritardi medi di 60 minuti e cancellazioni o limitazioni di percorso per circa il 35% dei treni regionali. Difficoltà anche per la circolazione dei treni a media e lunga percorrenza e per i treni AV, che viaggiano al momento con riduzione di velocità. Si registrano pertanto ritardi, in alcuni casi anche
consistenti, e potrebbero verificarsi riduzioni dell’offerta.

Anche ieri problemi alla circolazione dei treni: nel tardo pomeriggio ritardi sino a un’ora  sulla linea Bologna-Milano a causa di un convoglio merci in avaria tra Parma e Reggio Emilia, e del cojtestuale danneggiamento di un passaggio a livello nella zona di Bologna.

UNIVERSITÀ MODENA E REGGIO: IL RETTORE HA SOSPESO LEZIONI E ESAMI

L’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia nella giornata di oggi,  venerdì 6 febbraio 2015, a causa dei disagi provocati dalle abbondante nevicata, che sta impedendo a molti studenti di fruire delle normali prestazioni didattiche, ha disposto per ordine del Rettore prof. Angelo O. Andrisano la sospensione di lezioni ed esami dei Corsi di Laurea in entrambe le sedi di Modena e Reggio Emilia.

5/2/2015 –  Problemi alla circolazione sulle strade provinciali principalmente a causa di autotrasportatori con mezzi non adeguatamente attrezzati.

Sulla  Sp 513R, circa tre chilometri prima di Vetto, in località Caradello, un  Tir condotto da un autista rumeno e finito di traverso  ed è dovuta intervenire  anche la Polizia stradale. “Altri problemi – spiegano Valerio Bussei e Roberta Guglielmi, dirigente e responsabile del Reparto Sud del Servizio Infrastrutture della Provincia – si sono verificati sulla Sp 486, dove la strada è stata chiusa per circa un’ora al Carnione, poco dopo Roteglia, a causa di un camion messosi di traverso, e poco più su tra La Ca’ e Cerredolo, dove due mezzi pesanti si sono bloccati a lato strada”. Poco dopo le 15, grazie all’intervento  del vice sorvegliante stradale della Provincia Massimo Coloretti e di una pattuglia della Polizia provinciale (Dallaporta, Rossi e Angelici), i due mezzi sono stati messi in condizione di ripartire verso la pianura prima delle nuove nevicate previste dalla serata.
Per quanto riguarda le precipitazioni, alle 10.30 nella zona del Passo di Pradarena la neve aveva già raggiunto tra i 40 e i 50 centimetri: circa 20 cm tra Carpineti, Toano e Villa Minozzo, tra i 5 e i 15 cm in Val d’Enza, tra i 5 e i 10 sulla pedecollina.
Problemi in particolare nella fascia montana media, quella compresa tra Viano e Gatta,  a causa della neve particolarmente pesante che tende a spezzare i rami degli alberi.

RACCOLTA RIFIUTI A CARPINETI: DOMANI POSSIBILI PROBLEMI

Iren Ambiente informa che, a causa della nevicata in corso, domani venerdì 6 febbraio potrebbero verificarsi alcuni disservizi nella raccolta “porta a porta” dei rifiuti nel Comune di Carpineti.
In caso di mancato svuotamento l’invito è quello di lasciare il proprio contenitore all’esterno dell’abitazione. Se le condizioni meteo lo permetteranno, lo svuotamento del contenitore sarà recuperato sabato.

5/2/2015 – Big Snow è arrivato. Da stamani nevica anche  in città a Reggio Emilia e nella pianura emiliana. Per il momento non sono segnalate emergenze sulle strade. Nevischio sulla A1.
In montagna la nevicata, copiosa, secondo le previsioni continuerà sino a sabato: a Caatelnovo Monti già 30  centimetri di neve. Ma gli spazzaneve sono in azione dalle prima mattinata e la circolazione è assicurata senza eccessive difficoltà. Tutte le scuole sono aperte.

La  task-force della Provincia di Reggio Emilia è mobilitata sui  957 chilometri di strade provinciali con 127 lame, 62 salatori e 2 frese, oltre a 46 uomini tra tecnici, sorveglianti ed operai stradali, nonostante un taglio di risorse di ben un terzo.
Come sempre – oltre al Comitato operativo viabilità che fa capo alla Prefettura – è previsto un sistema di coordinamento con la Protezione civile e le forze dell’ordine per il presidio delle strade nei momenti meteorologici più critici al fine di supportare gli automobilisti in difficoltà ed evitare il blocco alla circolazione, mentre attraverso i social media (il profilo Twitter  @ProvinciadiRE e la pagina Facebook della Provincia) e l’apposito sito Infoneve (http://infoneve.provincia.re.it) attivato dallo scorso gennaio sarà possibile avere informazioni in tempo reale su meteo e percorribilità strade.

La Protezione civile della Provincia ha attivato le associazioni del Coordinamento del volontariato per le operazioni di supporto alle polizie locali e provinciale, come stabilito nel Piano di emergenza Provinciale, nei 34 punti critici della viabilità provinciale (come i cavalcavia) e nei 6 varchi di filtro ai mezzi pesanti diretti verso la montagna, attraverso strade provinciali sulle quali una ordinanza dispone l’obbligo di catene o gomme da neve fino al 15 aprile. Le strade sono la Sp 513R di Val D’Enza da San Polo d’Enza, lungo la Variante stradale al centro abitato, proseguendo sulla SP 513R fino al centro abitato di Vetto; la Sp 37 Albinea-Pratissolo-Chiozza, dal centro abitato di Albinea alla rotatoria in località Pratissolo di Scandiano; la Sp 7 “Pratissolo-Felina”, dalla rotatoria di Pratissolo di Scandiano al centro abitato di Viano; la Sp 486R di Montefiorino, dalla rotatoria in località Tressano di Castellarano fino al ponte sul torrente Dolo; la Variante di Puianello nel tratto tra la rotatoria con la Sp 21 a quella con la Statale 63; la Sp 63 Albinea-Casina, dal centro abitato di Albinea per una lunghezza di circa 8 km fino all’incrocio per Viano.

Anche quest’anno la Provincia di Reggio Emilia garantirà poi un numero verde 800.555.311 a disposizione degli utenti 24 ore su 24 per segnalare eventuali criticità e per il miglioramento del servizio. Aggiornamenti in tempo reale su meteo e traffico saranno assicurati attraverso il profilo Twitter della Provincia di Reggio Emilia @ProvinciadiRE (hashtag #meteoRE #REneve) e la pagina Facebook. Dallo scorso gennaio, inoltre, la Provincia ha attivato uno specifico sito (http://infoneve.provincia.re.it) con informazioni sullo stato della viabilità ed eventuali emergenze. Predisposto con una versione ottimizzata anche per il mobile il portale Infoneve pubblica anche una  mappa attraverso la quale – in via sperimentale  – è possibile monitorare il percorso di 35 mezzi antineve attivi sul territorio provinciale.

Be Sociable, Share!

2 risposte a Reggio Emilia prigioniera di Big Snow

  1. carlo Rispondi

    06/02/2015 alle 12:36

    Pedibus calcantibus per muoversi ! E’ salutare per la “circolazione sanguigna”

    • Pierluigi Rispondi

      06/02/2015 alle 12:47

      Sì, quando si può camminare. In centro i marciapiedi sono praticamente intransitabili, si rischia di cadere ogni momento. Ormai dovrebbero averlo capito tutti che questo sistema meccanizzato di spalamento non funziona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *