Mozambico, architettura tra due mondi. Una mostra alla Sinagoga in vista di Expo 2015

26/2/2014 – Venerdì 27 febbraio, alle ore 12, nella Sinagoga di via dell’Aquila a Reggio Emilia, sarà inaugurata la mostra ‘Mozambico: architettura tra due mondi’, una delle prime iniziative con il Governo del Mozambico in occasione di  Expo Milano 2015. 
Il Mozambico vanta una relazione storica con la nostra città, testimoniata  anche negli ultimi mesi dalla visita delle più importanti cariche del paese dell’Africa Australe.
La mostra curata da uno dei più rinomati architetti mozambicani a livello internazionale, Josè Forjaz ,  dal vice-curatore Vincente Joaquim vede una doppia rappresentazione nel percorso espositivo: quello dell’architettura del Mozambico negli ultimi 100 anni (1914-2014) e un percorso di immagini che raccontano tradizioni, cultura e paesaggi dello Stato che proprio quest’anno festeggia i 40 anni di indipendenza.
L’esposizione, che sarà inaugurata dall’ambasciatore della Repubblica del Mozambico in Italia Carla Elisa Mucavi e dall’assessore comunale alle Relazioni internazionali Serena Foracchia,  apre una serie di attività: la presenza di materiali informativi all’interno del padiglione mozambicano all’interno di Expo 2015, la visita a Reggio Emilia di delegazioni politiche, economiche ed esponenti della cultura mozambicana nel corso dei prossimi mesi, fino all’intitolazione di un luogo della nostra città a Samora Machel alla presenza di una personalità di rilievo della Repubblica del Mozambico.
 
Dopo essere stata proposta alla Biennale di Architettura di Venezia, la mostra sarà aperta al pubblico alla Sinagoga da venerdì 27 febbraio a venerdì 27 marzo 2015, nei seguenti orari: il martedì e il venerdì dalla 9 alle 12; il sabato dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19.
E’ promossa da Ambasciata della Repubblica del Mozambico in Italia, Comune di Reggio Emilia, Tavolo Reggio Africa, Ordine degli Architetti di Reggio Emilia e dal Politecnico di Milano, in collaborazione con Auser Reggio Emilia e Pro Music.
 
 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *