Litiga col compagno e gli spara alle gambe (con la scacciacani). Casa circondata per una trans furiosa

25/2/2015 –  Dopo un litigio ha estratto una pistola sparando in direzione delle gambe del compagno. Fortunatamente era una scacciacani, ma il malcapitato in preda al terrore  è fuggito in strada dando l’allarme ai Carabinieri. 
I militari, non sapendo quale tipo d’arma era in possesso della compagna con istinti omicidi, hanno circondato la casa e sono riusciti a farsi aprire. Lì hanno scoperto che aveva sparato al compagno utilizzando una scacciacani trovata sotto il cuscino, con ancora il colpo in canna.
Con l’accusa di minaccia aggravata e detenzione illegale di munizionamento i carabinieri della Compagnia di Reggio Emilia hanno denunciato alla Procura di Reggio una transessuale 50enne anconetana residente in città. 
Ieri pomeriggio i militari sono intervenuti in forze in una frazione di Reggio Emilia a seguito della richiestw d’aiuto pervenuta dall’uomo di 42 anni dopo la sparatoria domestica.  a seguito della richiesta d’intervento di un 42enne fuggito in strada dopo essere stato sparato in casa dalla compagna.
Circondata l’abitazione, i Carabinieri hanno intavolato una trattativa in seguito alla quale la transessuale è uscita di casa ed è stata bloccata.   La perquisizione domiciliare ha permessp di chiarire meglio la vicenda: la compagna aveva sparato utilizzando una scacciacani. La pistola era comunque priva del tappo rosso: la pallottola avrebbe potuto veramente colpire il compagno. UN colpo era nella camera di scoppi e 4 munizioni erano nel caricatore. È saltata fuori anche un’ altra pistola scacciacani, svariato munizionamento a salve, 2 proiettili (uno calibro 9 e altro 22) illegalmente detenuti e varie armi bianche,  in prevalenza coltellacci da macellaio con lama non inferiore ai 20/30 cm. Ricomposta la lite,  i carabinieri hanno portato in caserma la transessuale, sequestrandole quanto illecitamente detenuto e denunciandola per i citati riferimenti normativi violati.
 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *