Le cellule della speranza e i falsi profeti. A “Finalmente domenica” il caso del metodo Stamina

7/2/2015 – Le più discusse questioni di attualità fanno capolino domenica 8 febbraio 2015 a Finalmente Domenica, il ciclo di appuntamenti a cura di Teatri e Banco S. Geminiano e S. Prospero.
Alle ore 11.00, alla Sala degli Specchi (con ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili) “Le cellule della speranza. Il caso Stamina tra inganno e scienza” di Gilberto Corbellini e Mauro Capocci in dialogo con Angela Simone.

Un dialogo che prende posizione senza se e senza ma, e che qualcuno certo considererà discutibile. La mattinata prende di mira i cosiddetti falsi profeti: ” Questi – è la tesi alla base del dialogo – facendo leva sulle sofferenze dei malati e dei loro parenti, e sfruttando una diffusa e generale ignoranza, sono quasi riusciti a destabilizzare le regole più avanzate della medicina e della scienza, mettendo a rischio il funzionamento stesso del Servizio Sanitario Nazionale. In “Le cellule della speranza” alcuni esperti e protagonisti della battaglia civile condotta contro le manipolazioni politiche del caso Stamina hanno ricostruito l’intera vicenda, inquadrandola alla luce di quanto oggi succede all’estero, dove ricerca e sperimentazione clinica sono impegnate ad approfondire le conoscenze sulle cellule staminali”.

Il mondo medico e scientifico si è scatenato contro Vannoni, inventore del metodo Stamina, con un canovaccio simile a quello adottato sul metodo Di Bella che, demonizzato dopo una sperimentazione condotta in modo discutibile, oggi viene rivalutato e oggetto di riflessioni e ricerche in varie parti del mondo.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *