Inventa estorsione solo per mettere nei guai la ex: scoperto e denunciato spasimante fuori di testa

28/2/2015 – Ha voluto vendicarsi con cattiveria della ragazza “colpevole” di averlo lasciato. Per questo motivo ha denunciato un’estorsione a opera di fantomatici trafficanti di droga, i quali avrebbero preteso i soldi “rubati” proprio dalla sua ex. 
Una storia ben costruita e per questo apparsa inizialmente credibile sino a quando i Carabinieri di Campagnola Emilia non hanno scoperto che il cellulare dal quale i trafficanti comunicavano con il denunciante,  sebbene intestato ad una terza persona (ignara di tutto)era in uso alla stessa vittima che si mandava i messaggi su altro cellulare a lui intestato.
 Con l’accusa di simulazione di reato per aver inventato l’estorsione e diffamazione nei confronti della ex ragazza, ingiustamente  accusata di esser ladra e spacciatrice, i Carabinieri  hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Reggio Emilia un operaio incensurato di 34 anni.  L’uomo la settimana scorsa si è presentato ai militari di Campagnola Emilia denunciando una estorsione ad opera di malviventi che pretendevano i soldi della droga che lui non poteva più dargli,  in quanto rubatigli dall’ex ragazza. Per rendere il racconto più credibile mostrava gli sms che aveva ricevuto dai malviventi che fissavano anche un appuntamento al quale ovviamente, oltre ai carabinieri appostati e alla stessa presunta vittima che fingeva di attenderli, non si è presentato  nessuno. 
Dalle successive indagini si è scoperto che la sim card del numero da cui partivano gli sms era di fatto in uso esclusivo del denunciante,  che si inviava da solo i messaggi con le richieste estorsive. I carabinieri di Campagnola Emilia andavano quindi a far visita alla vittima trovandogli il cellulare oggetto delle attenzioni investigative. 
L’uomo ha ammesso di essersi inventato tutto, sostenendo di aver agito per vendetta nei confronti dell’ex ragazza “colpevole” di averlo mollato. Fortunatamente non tutte le storie d’amore finiscono così. 

 

 
 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *