Gonfio di cocaina fugge al posto di blocco e manda all’ospedale un carabiniere. Preso dopo 10 km di inseguimento a folle velocità

25/2/2015 –  Ha tirato ben tre “piste” di cocaina e poi si è messo a guidare la Fiat Punto del padre, che è ricoverato. 
Poco dopo le 23 dell’altra sera, a  Roteglia di Castellarano il cocainomane è incappato in un posto di blocco dei Carabinieri della locale Stazione. Nonostante l’alt  ha pigiato ha schiacciato l’acceleratore tanto che un carabinieri, per evitare di essere investito d’istinto,  rientrava dalla carreggiata, venendo tuttavia colpito con lo specchietto alla mano sinistra. 
Ne è scaturito un inseguimento a tutta velocità, protrattosi per oltre 10 km sino alla provincia di Modena,  nel corso del quale il fuggitivo nel tentativo di seminare gli inseguitori, ha adottato una guida pericolosa spegnendo i fari e proseguendo la fuga al buio.
A Sassuolo tra Via Radici in Monte e Via Pia ha speronato una Volkswagen Polo con due anziani (fortunatamente illesi nonostante i seri danni al mezzo) proseguendo la fuga. Nel tagliare la rotonda posta tra Via Radici in Piano e Via Giovanni da Verrazzano è finito contro un palo stradale terminando la corsa e venendo bloccato dai carabinieri.  L’uomo, un 40enne di Castellarano, sprovvisto di patente in quanto sospesagli nel lontano 1997, ben diciotto anni fa,  aveva addosso  una ventina di grammi di marjuana  e una banconota da 10 euro arrotolata. Sul display del telefono c’erano ancora tracce della cocaina che aveva tirato prima di porsi alla guida. Del resto le analisi cliniche cui è stato sottoposto hanno rivelato 1000 g/l di cocaina presenti nell’organismo. Oltre ad una serie di verbali al codice della strada con maxi multe  per non essersi fermato all’Alt, per essere fuggito dopo l’incidente, per guida pericolosa e altre infrazioni, il 40enne è stato denunciato per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, per guida con patente sospesa, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e  danneggiamento della segnaletica stradale. E’ stato inoltre segnalato quale assuntore di stupefacenti per la marjuana posseduta che i carabinieri hanno sequestrato. Il militare colpito con lo specchietto durante la fuga ha riportato la frattura del metacarpo con una prognosi di 30 giorni. L’auto è stato sequestrata.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *