Eroina in zona stazione: arrestato il pusher tunisino delle ex-Reggiane

24/2/2015 – Dalla base operativa che aveva realizzato nello stabilimento delle reggiane, un tempo cuore produttivo ella città di Reggio Emilia ed oggi rifugio di sbandati e senza tetto, gestiva dal 2011 un traffico di eroina destinata allo spaccio in zona stazione a  Reggio Emilia.
Per non essere preso cambiava continuamente numero di telefono avendo cura di informare i suoi clienti.
Un giro d’affari assolutamente redditizio quello ricostruito dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Reggio Emilia che hanno sentito numerosi clienti accertando migliaia di cessioni di eroina effettuafe da Kamel, nome di battaglia con cui il pusher era conosciuto negli ambienti dei tossicodipendenti. Il Gip del Tribunale di Reggio Emilia accogliendo le richieste avanzate dal Sostituto presso la Procura reggiana titolare dell’inchiesta, ha emesso a carico dell’uomo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, eseguita l’altra sera dai Carabinieri che hanno condotto le indagini.
In carcere con l’accusa di spaccio di stupefacenti aggravato dalla continuazione del reato è finito un cittadino tunisino 36enne che vive  a Reggio Emilia nel vecchio complesso delle Reggiame.
Dal sequestro del cellulare del tunisino, avvenuto in novembre, i Carabinieri sono risaliti a gran parte dei clienti, che hanno riconosciuto Kamel nel corso di confronti fotografici.
Le indagini hanno permesso di  ricostruire oltre 1.000 cessioni di eroina fatte negli ultimi 4 anni per  svariate migliaia di euro.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *