Emergenza neve, cosa fare per i danni subiti? Assemblea con Federconsumatori a Poviglio: si parlerà di risarcimenti

23/2/2015 – La neve caduta sulla provincia di Reggio Emilia è ormai un ricordo dal punto di vista paesaggistico, ma per le amministrazioni è tempo di conti e di bilanci.
 
L’emergenza neve del 6 febbraio scorso ha lasciato un lungo elenco di danni a privati, attività produttive, edifici e impianti anche nel comune di Poviglio ha provveduto a mappare: ammonta a 1.390.188 euro la stima complessiva dei danni subiti sul territorio comunale, dei quali 98.250 euro relativi ai danni a privati, 1.215.288 euro ad attività produttive, 76.650 euro a edifici e impianti pubblici.
 
A queste cifre si vanno ad aggiungere le ingenti spese sostenute dall’Amministrazione Comunale per garantire l’assistenza alla popolazione e per far fronte agli interventi di somma urgenza: si parla  di 58.901,62 euro di spese complessive per la fornitura di gruppi elettrogeni per i cittadini (1.500 euro) e il ripristino della centrale termica del Centro Culturale (1.700 euro), le potature (12.456,20 euro) e lo sgombero neve (43.245,42 euro) per la messa in sicurezza della viabilità e delle aree pubbliche.
 
Venerdì 27 febbraio il Comune di Poviglio, in collaborazione con Federconsumatori, organizza “Le conseguenze della nevicata: cosa fare per i danni subiti?”, una serata di informazione rivolta a tutta la cittadinanza alla quale interverranno il Sindaco di Poviglio Giammaria Manghi e Sara Rubaldo di Federconsumatori. L’appuntamento è alle ore 21 presso la Sala Civica “Rosina Mazzieri” al Centro Culturale di Poviglio.
 
“Come Sindaco e Presidente della Provincia – ha affermato Giammaria Manghi – farò ogni cosa possibile per avere un ristoro almeno parziale dei danni subiti tra pubblico e privato. A partire dalla partecipazione al tavolo di confronto tra Enel, Regione e Province, per proseguire con l’incontro con il Garante dell’Authority per l’energia elettrica a cui parteciperò lunedì 2 marzo a Milano”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *