Dieci anni fa moriva don Giuss. Messa col vescovo Camisasca e mostra in Ghiara

16/2/2014 – Venerdì 20 febbraio alle ore 18,30, nella Basilica della Ghiara, Il vescovo di Reggio Emilia Massimo Camisasca celebrerà una S.Messa per don Luigi Giussani, morto il 22 febbraio 2005. Monsignor Camisasca è stato uno dei collaboratori più stretti di don Giuss ed é oggi il teologo di punta di Comunione e Liberazione.
Lo annuncia Comunione e Liberazione di Reggio. “Il decimo anniversario della morte del Servo di Dio don Luigi Giussani (22 febbraio 2005) e il 33mo del riconoscimento pontificio della Fraternità di Comunione e Liberazione – scrive Cl – vengono ricordati con la celebrazione di Messe presiedute da cardinali e vescovi in centinaia di città in Italia e nel mondo, secondo questa intenzione: «Nel X anniversario della nascita al Cielo di don Giussani e nell’imminenza dell’incontro con il Santo Padre a Roma, chiediamo al Signore la grazia di vivere fino in fondo l’invito di papa Francesco a «preservare la freschezza del carisma… rinnovando sempre il “primo amore”… sempre sulla strada, sempre in movimento, sempre aperti alle sorprese di Dio».
In occasione del decimo anniversario della nascita al cielo di don Giussani, è stata anche realizzata una mostra che presenta, in pochi pannelli, i tratti fondamentali di don Giussani, con immagini e brani significativi della sua vita. La mostra sarà inaugurata in Ghiara in occasione della Messa e potrà essere visitata nella settimana successiva alla celebrazione stessa, negli orari di apertura della Basilica.
 
“Il don Giuss – rileva Comunione e Liberazione – ha reso viva, interessante, appassionante per noi l’esperienza cristiana perché ha amato la nostra umanità per quella meraviglia che è, senza riduzioni. È partito dal nostro cuore, cioè da quel bisogno senza limite di felicità, di verità, di giustizia, da quel desiderio di infinito di cui siamo fatti, ma a cui da soli non possiamo dare risposta”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *