Crac Cmr e Sicrea a Modena: Manuel Negri guida sit-in di protesta a Reggiolo. Ma anche il sindaco Angeli è d’accordo

23/2/2015 – Oggi pomeriggio, mentre era in corso un incontro tra i vertici di Sicrea Group (ex Cmr Reggiolo) con le rappresentanze sindacali, in merito all’imminente trasferimento della sede a Modena, il consigliere comunale di Ricostruire Reggiolo, Manuel Negri,  ha guidato  in un sit-in sotto la sede Cmr, come anticipato oggi da Reggio Report, un gruppo di lavoratori e di artigiani creditori, coinvolti nel crac Cmr e che ancor oggi “attendono risposte”. 
“La protesta si è levata contro i vertici del gruppo che, come Schettino, abbandonano la nave mentre affonda – scrive Negri –  nei confronti delle istituzioni che fino ad ora non hanno saputo tutelare e fare da cassa di risonanza per chi, non solo ha perso il lavoro, ma si è trovato costretto a dover affrontare le conseguenze dei mancati pagamenti per i lavori eseguiti”.
Ciò “Mentre la Lega Coop è riuscita ad acquisire una parte del credito dei risparmiatori truffati; più di un artigiano, che avrebbe invece dovuto esser privilegiato, è risultato essere la vera parte lesa. Questa categoria rappresenta il mondo del lavoro e oggi si ritrova in serie difficoltà, ma nessuno se ne ricorda, molto probabilmente perché questi non sono iscritti ad alcun sindacato, nessuno si è chiesto o preoccupato del fatto che svariati padri di famiglia e titolari di piccole imprese non solo sono rimasti senza lavoro, ma non hanno potuto pagare i propri dipendenti, si sono trovati nell’impossibilità di versare regolarmente i contributi, di ottemperare i propri impegni finanziari con le banche e di pagare i propri fornitori; provocando un impoverimento sociale che ha investito tutto il territorio. Questo basterebbe a sfatare il falso mito della “mamma Cmr”, vista come sinonimo di progresso economico”.  
“Ribadisco l’impegno preso durante la campagna elettorale delle scorse amministrative – conclude Negri – ovvero la necessità di una commissione d’inchiesta sulla vicenda da istituirsi in seno al consiglio comunale, nonché la volontà a mettere a disposizione assistenza legale gratuita per chi intenda agire  nei confronti dei vertici del gruppo, al fine di accertare le responsabilità sulla gestione e liquidazione.
Anche il sindaco di Reggiolo Roberto Angeli ha dichiarato di comprendere  il senso della protesta, criticando duramente Sicrea per k, trasferimento a Modena: “Era  prevedibile che qualche cittadino – ha commentato  Angeli – protestasse davanti alla sede dell’ex Cmr. Molti lavoratori sono esasperati dagli eventi, dalla lunga vicenda che è arrivata fino alla scelta del trasferimento di Sicrea. Già da qualche mese l’Amministrazione si era preoccupata della mancanza di comunicazione, del silenzio dell’azienda sulle prospettive future e del crescente malumore nella comunità reggiolese e tra i soci prestatori. Per informare di quanto stava accadendo, l’Amministrazione aveva anche scritto a Provincia e Regione”.
Davanti all’azienda oggi è comparso anche uno striscione di “Ricostruiamo Reggiolo”: “Cmr, mi hai preso i soldi e scappi…???”. 
Su Sicrea e il suo trasferimento l’opposizione ha presentato anche una mozione che sarà discussa nel consiglio comunale fissato per giovedì. Nel documento si chiede di aprire immediatamente un tavolo con i vertici del gruppo Sicrea e i dipendenti stessi per tutelare gli interessi dei soci prestatori dell’ex Cmr, e di vigilare sugli impegni assunti dalla Lega delle cooperative nei confronti dei soci lavoratori e dei soci prestatori. Sullo stesso tema, prima dell’annuncio di Sicrea Group, era stato presentato un odg della maggioranza.
 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *