Carta di credito saccheggiata a San Polo, carabinieri scovano il vampiro informatico

12/2/2015 – Un quarantenne di S. Polo d’Enza é rimasto vittima di un furto d’identità attraverso il quale un giovane dell’hinterland mikanese ha decodificato le credenziali della sua carta di credito, dandosi allo shopping on line naturalmente a spese della vittima. 
L’hacker è stato però rintracciato dai militari a seguito della denuncia del sampolese, che ha avuto la brutta sopresa di vedersi addebitare nell’estratto conto della carta di credito alcune spese consistenti che  lui non aveva fatto. 
Con l’accusa di concorso in frode informatica e indebito utilizzo di carta di credito, i Carabinieri della Stazione di san Polo d’Enza hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia un 30enne residente a Cernusco sul Naviglio. E’ stato lo stesso 40enne reggiano ad accorgersi dell’anomalo utilizzo della sua carta di credito grazie al servizio di SMS di allerta che lo ha informato  dell’acquisto in internet di un televisore ed un orologio per un importo complessivo di 800 euro. Non avendo effettuato alcun acquisto e non avendo ceduto a nessuno la carta di creito, l’uomo si è rivolto ai carabinieri di San Polo d’Enza denunciando la frode informatica. I militari sono risaliti all’hacker attraverso le indagini telematiche, poi nel corso di una perquisizione hanno trovato in casa sua a Cernusco il televisore e l’orologio acquistati con l’utilizzo della carta di credito clonata. I beni venivano sequestrati per la successiva restituzione alla società venditrice, di conseguenza la vittima potrà ottenere il ristorno delle somme addebitate. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *