Bye bye Coppa Italia, la Grissin Bon perde in semifinale

SASSARI ELIMINA ANCORA LA GRISSIN BON DALLA COPPA ITALIA. LA SEMIFINALE SI E’ CHIUSA 77-65 PER LA DINAMO CHE HA VINTO GRAZIE AL MURO DIFENSIVO. LA GRISSIN BON HA CONCLUSO LA SUA PARTECIPAZIONE ALLA COPPA CON UNA PERCENTUALE DISASTROSA  AL TIRO DA TRE (3/26). IL CROLLO NELLA RIPRESA CAUSA IL DEFICIT ATLETICO DEI DELUDENTI GIOVANI BIANCOROSSI E DELL’ACCIACCATO DIENER. BREAK DECISIVO NEL MOMENTO IN CUI CINCIARINI, L’UNICO A SALVARSI DELLA REGGIANA, HA TIRATO IL FIATO IN PANCHINA

di Carlo Codazzi

ILTABELLINO

Grissin Bon Reggio Emilia – Banco Sardegna Sassari: 65-77 

Parziali: (19-18, 16-18,13-21, 17-20)

Grissin Bon Reggio Emilia: Mussini,  Polonara 14, Della Valle , Pechacek ne , Pini 2, Kaukenas  21, Cervi 8, Silins 2, Diener 2, Strautins ne,  Cinciarini 16. Allenatore: Menetti.

Banco Sardegna Sassari: Logan 16, Sosa 2, Formenti, Sanders 13, Devecchi 3, Lawal 2, Chessa, Dyson 15, Sacchetti 8, Vannuzzo ne, Brooks 4, Kadji 12. Allenatore: Sacchetti.

Arbitri: Sahin, Seghetti, Biggi.

LA GARA

Amara eliminazione dalla Coppa Italia per la Grissin Bon che era giunta alla Final Eight di Desio con ambizioni di finale e, perché no, di successo. Qualcosa però non ha funzionato nel motore della squadra reggiana che ha mostrato di attraversare un delicato momento sotto l’aspetto psico-fisico. La competizione era importante per il club biancorosso, ma troppi giocatori sono arrivati alla manifestazione fuori forma e l’esclusione della finale subita da Sassari (proprio come l’anno scorso) è stata la naturale conseguenza del quadro citato. La sofferenza contro Trento nel quarto di ieri suonava come un campanello d’allarme al pari della brutta prova della Reggiana a Pesaro dove è stata sconfitta nell’ultimo turno di campionato.

Nel 1° tempo Reggio ha retto il confronto con la Dinamo, poi nel 3° quarto il crollo: Sassari ha alzato l’intensità difensiva contando anche sulla grande fisicità del suo quintetto base, la Grissin Bon ha perso il ritmo e non è riuscita giocare il suo basket fatto di veloci transizioni e rapida circolazione con tiri aperti dall’arco. Al contrario,Sassari ha iniziato a trovare il tiro da fuori con facilità e la luce in casa biancorossa si è spenta. Cinciarini ha tentato di tutto per ravvivare i suoi, ma nel momento in cui Menetti gli ha concesso un po’ di riposo la scricchiolante Reggiana ha ceduto del tutto. E’ mancato completamente il riferimento sotto canestro in attacco per Reggio che non ha mai potuto contarre su vincenti uno contro uno sotto la plancia in post basso. Altra musica per Sassari che invece il riferimento sotto il ferro l’aveva eccome con il gigantesco Lawal. L’impeccabile regia di Dyson e le buone prestazioni offensive e difensive di Sanders e Logan hanno fatto il resto.

Per la Grissin Bon, tradita dai giovani gioielli Della Valle e Polonara e con l’acciaccato Diener in asfissia, è stato impossibile trovare linee pulite di passaggio (notevole la pressione dell’aggressiva zona sarda) e i tiri aperti dall’arco, inoltre sono diventate problematiche anche le penetrazioni in cui si è arrangiato il solito grande Cinciarini. Stavolta il finale di match non ha regato emozioni da pathos e Sassari ha portato a casa la qualificazione in tranquillità complice anche un atteggiamento rassegnato da parte reggiana. Alla sirena tanta delusione per la Grissin Bon che adesso si concentra sul campionato per riuscire a chiudere la regular season nelle prime 3 posizioni onde evitare di incrociare Milano nell’eventuale semifinale scudetto.

***


LA CRONACA DI GRISSIN BON-ENERGIA DOLOMITI TRENTO

LA GRISSIN BON SOFFRE CON L’ENERGIA TRENTO E AGGUANTA LA SEMIFINALE DI COPPA ITALIA ALL’ULTIMO RESPIRO 80-77. CINCIARINI HA TRASCINATO I BIANCOROSSI CON 16 PUNTI E 100% DI REALIZZAZIONE AL TIRO CONDITI DA 9 ASSIST. REGGIO HA RISCHIATO GROSSO PER LA SUPERIORITA’ DI TRENTO AI RIMBALZI E PER LE PRECARIE CONDIZIONI FISICHE DI DIENER. STASERA ORE 18.30 SEMIFINALE CON SASSARI

di Carlo Codazzi

La gara

Tanta sofferenza per la Grissin Bon nel quarto di coppa con l’Aquila Trento. Drake Diener è stato recuperato all’ultimo momento per l’infortunio patito alla coscia in settimana e non ha potuto dare il suo solito pieno apporto alla squadra di Menetti. Drake, tuttavia, è riuscito a piazzare 4 preziosissime triple e ad andare in doppia cifra (14pti). I biancorossi hanno sempre condotto l’incontro nel punteggio fino a raggiungere un massimo vantaggio di 13 punti nel 2° quarto. Dopo la pausa lunga coach Buscaglia è passato dalla difesa a uomo a quella a zona riuscendo a chiudere le bocche da fuoco reggiane e a facilitare la circolazione di palla dei  trentini in fase offensiva.

Netta prevalenza di Trento sotto le plance, in particolare in fase di attacco con i lunghi reggiani in difficoltà. Fortunatamente per la Reggiana, gli uomini di Buscaglia non hanno particolarmente brillato al tiro, soprattutto nelle conclusioni da tre. Lo spauracchio Mitchell non si è espresso al meglio riuscendo a segnare 14 punti nei tiri da 2 e mettendo a referto un incredibile per lui 0-8 da tre.  Per Mitchell, però, 10 rimbalzi conquistati e 3 assist. La scimmia che i biancorossi si sono portati sulle spalle fino a pochi secondi dalla fine porta il nome di Owens che ha segnato 19 punti dominando l’area a spese di Cervi e Pini.  Nel 3° quarto, iniziato sul 45-35 per la Grissin Bon , Trento è riuscita a risalire e a riaprire il match. La gara si è trascinata punto a punto fino al 78-75 a 1’ dal termine.

Nel convulso minuto finale Mitchell ha fallito una bomba costringendo Pascolo a commettere fallo su Cinciarini che a 10”54 dalla sirena ha segnato i due tiri liberi decisivi (80-75). Dopo l’inevitabile time out di Buscaglia Mitchell ha tirato da tre prendendo il ferro, ma andando a raccogliere il rimbalzo e a realizzare lui stesso l’ultimo, inutile canestro del match (80-77). Possesso biancorosso a 3” da fine corsa con Della Valle che ha sparacchiato dalla lunga distanza sulla sirena. Esultanza liberatoria di Menetti e qualificazione conquistata con le unghie.  Stasera alle 18.20 la semifinale contro il Banco di Sardegna Sassari.

Tabellino

GRISSIN BON REGGIO EMILIA- ENERGIA DOLOMITI TRENTO 80-77 (PARZIALI 26-21, 45-35, 59-56)

GRISSIN BON: Cinciarini 16 (4/4, 2/2), Diener 14 (0/3,4/7), Silins 8 (2/2,1/1), Polonara 7 (2/4,0/2), Cervi 9 (3/4), Pini 2 (1/2), Kaukenas 8 (2/6, 0/3), Della Valle 6 (1/3, 1/3), Mussini 6 (0/2,2/2), Peckacek 4 (2/4). N.e.: Strautins.All. Menetti.

ENERGIA DOLOMITI: Forray 8 (1/1,2/2), Sanders 9 (4/6,0/3), Mitchell 14 (6/13,0/8), Pascolo 10 (4/11), Owens 19 (9/14), Baldirossi 8 (4/6,0/1), Grant 8 (2/4,0/2), Armwood (0/2), Spanghero 1 (0/1,0/3). N.e.: Fiaccadori. All. Buscaglia.

Arbitri: Begnis, Baldini, Filippini.

Tiri: Reggio da 2 16/21,Trento 11/17. Rimbalzi: Reggio 31 (Cervi 9), Trento 42 (Mitchell 20). Assist: Reggio 15 (Cinciarini 9), Trento 16 (Sanders 6).

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *