150 mila persone senza luce nè riscaldamento. Il sindaco di Reggio spara sull’Enel: “Incredibile sottovalutazione”

6/2/2015 – Dopo la Caporetto della strade intasate di neve, la debacle dell’Enel. Dopo una giornata drammatica l’Enel non riesce ancora a garantire l’erogazione  dell’energia elettrica a buona parte del territorio provinciale. 
Il presidente della provincia Giammaria Manghi ha dichiarato che il black out coinvolge 43 comuni su 45, per un totale di circa 150 mila persone isolate dalla rete elettrica. Nella riunione delle 20 è emerso che le utenze senza corrente elettrica sono 64 mila 743, di cui 6 mila 542 nel capoluogo. 

Nonostante Enel e Terna abbiano attivato 1.500 persone in tutto il Nord Italia, il ripristino delle varie linee danneggiate dal gelo o dagli alberi caduti non è infatti garantito entro la notte se non a tratti: si spera possa avvenire entro la giornata di sabato, ma in alcune zone non si esclude possa arrivare solo domenica.
Nell riunione tenuta nella Sala operativa del Centro unificato della Protezione civile della Provincia di Reggio Emilia e presieduta dal prefetto Ruberto, i sindaci e il presidente della Provincia hanno illlustratogli ultimi sviluppi nei rispettivi territori.

 Tra i diffusi disagi segnalati,  anche quello di 900 famiglie delle frazioni collinari di Castellarano senz’acqua potabile a causa del blocco di una centrale di pompaggio Iren dovuto al black-out.

I CENTRI DI ACCOGLIENZA ALLESTITI NELLA PROVINCIA

Molti Comuni, d’intesa con Prefettura e Protezione civile, si sono attivati per allestire centri di accoglienza (o attivare numeri di emergenza) nel caso fosse necessario assistere persone in eventuale difficoltà a causa del prolungato black-out.
Questo l’elenco delle strutture già funzionanti stanotte, 

Albinea. Casa Protetta di via Togliatti 6 a cui potranno accedere tutti coloro che ne abbiano assoluta necessità. Per info: Protezione Civile: 0522 886974. Comando Polizia Municipale. 0522 8855. Sindaco 328 2144352

Baiso. Il sindaco di Baiso Fabrizio Corti consiglia ai cittadini che attualmente si trovano senza impianti di riscaldamento di cercare una sistemazione temporanea presso parenti o amici. In caso di necessità contattare i numeri 0522 843990 – 0522 993507 – 335 7621790.
 
Bibbiano. Centro Diurno di via Rosemberg , è aperto dalle ore 17 come punto di accoglienza. Per info 0522.882003.
 
Castelnovo Monti. Il sindaco Bini ha invitato “tutti i cittadini che sono senza impianto di riscaldamento alimentato da energia alternativa di attivarsi per trovare una sistemazione temporanea, presso parenti, amici, eccetera. In caso di necessità è possibile rivolgersi al Comune al numero 0522 610111”.
 
Correggio.  Bocciodromo – “Al Boccio” – di Canolo (via don Grazioli) a disposizione di famiglie con bambini, anziani, donne in gravidanza senza possibilità di trovare altre soluzioni. La struttura è attiva a partire dalle ore 19 ed è necessario che i cittadini si muniscano di coperte e viveri per la notte. Info: Centrale Operativa della Polizia Municipale: tel. 0522.746265.

Gualtieri.  Palestra scolastica di via Cabina. Riferimenti telefonici Centro operativo comunale 0522221827-0522221828-0522221812.
 
Luzzara. Palestra di Villarotta in via Negre. Contattare il numero 0522.223811 – 223.838. 
 
Quattro Castella. Palestra comunale di via Pascoli, in particolare per le persone che si trovano senza riscaldamento e senza possibilità di risolvere diversamente il problema. Per informazioni contattare: Cristina Colli allo 0522.249222; Cinzia Canovi allo 0522.249342.

Reggio Emilia.  Al PalaFanticini in via Zacchetti saranno a disposizione della cittadinanza 100 posti, che verranno implementati già da domani qualora le condizioni lo rendessero necessario. L’accesso, ovviamente limitato, darà priorità ad anziani (oltre i 70 anni) e a mamme con bambini sino ai 3 anni. Per poter accedere occorre telefonare ai numeri 0522456211 e 0522456170 attivi sino alle ore 22. L’accesso al PalaFanticini avverrà a partire dalle ore 22.30.
 
Rubiera. Ponte Luna – Area Sportiva Tetra Pak – dedicata in particolare a famiglie con bambini, anziani, donne in gravidanza che non hanno la possibilità di trovare altre soluzioni. E’ opportuno portarsi le coperte. Per informazioni è attiva l’utenza cellulare 334.2940633. E’ attiva anche la Centrale Operativa della Polizia municipale 800227733.
 
San Martino in Rio. Palestra delle scuole elementari di via Rivone (ingresso dal cancello pedonale su via Matteotti): disponibili alcune brandine e coperte messe a disposizione dalla Protezione Civile. Per informazioni e prenotazioni chiamare il numero 348.0659812. Qualora, non ci fossero prenotazioni o non si dovesse presentare sul posto alcun cittadino si comunica che il ricovero notturno verrà chiuso alle ore 21,30.
 
Scandiano. Palestra della scuola Lazzaro Spallanzani (Rocca) accesso diretto da via Vittorio Veneto con brandine e servizio di assistenza. Per informazioni chiamare lo 0522.764211 (entro le 20) o presentarsi direttamente.

L’IRA DEL SINDACO VECCHI: SOLO ALLE 18 L’ENEL HA DATO UN QUADRO DELLA SITUAZIONE. “SOTTOVALUTAZIONE INACCETTABILE”

Il caso è esploso ieri sera: alle 19,30 il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, attraverso il suo portavoce, ha comunicato ai media che migliaia di appartamenti nel territorio comunale restano senza elettricità e quindi, in moltissimi casi, senza riscaldamento (senza contatto  elettrico le caldaie a metano non si attivano).

La conseguenza immediata è che il Comune ha allestito in fretta e furia per stanotte cento posti letto di emergenza al PalaFanticini, “a seguito della constatazione che Enel non è in grado di ripristinare le utenze elettriche su migliaia di appartamenti.  L’accesso, ovviamente limitato – precisa il comunicato – sara dato prioritariamente ad anziani (oltre i 70 anni) e a mamme con bambini sino ai 3 anni”. Per poter accedere occorre telefonare ai numeri 0522456211 e 0522456170 attivi sino alle ore 22. L’ingresso al PalaFanticini avverrà a partire dalle ore 22.30.

“Si suggerisce di accedere a questa struttura solo nel caso in cui vi sia stretta necessità per motivi di salute. A chi è in grado di farlo il suggerimento che si estende è quello di rimanere nelle proprie abitazioni utilizzando, ove possibile, forme di riscaldamento alternative”.

La situazione di emergenza  ha fatto esplodere una situazione diventata sempre più tesa di ora in ora nel corso della giornata. Il sindaco spara a zero sull’azienda elettrica, che solo in serata ha dato un quadro “sommario e incompleto” della situazione: “Dopo ore di sollecitazioni continue e reiterate solo alle ore 18 il responsabile Enel presente al vertice convocato in Prefettura è stato in grado di fornire ai referenti istituzionali un quadro sommario e incompleto della situazione”.

Il Comune di Reggio Emilia ha espresso “sconcerto e profonda contrarietà per una sottovalutazione inaccettabile della situazione da parte di Enel, che si riverbera in modo pesante sulla cittadinanza. La gravità di quanto si sta verificando avrebbe richiesto risposte più pronte da parte del gestore del
servizio”: parole di una durezza senza precedenti per una situazione su cui il comune non intende sorvolare.  Torna alla mente il black out dell’alluvione di Parma, quando l’Enel lasciò a lungo senza informazioni decine di migliaia di persone rimaste senza luce.

Sempre in serata, oltre ai cento posti del Palafanticini, sono state reperite altre decine di sistemazioni riservate agli anziani nei centri I Girasoli, via Zambonini 61, tel. 0522933411, Magnolie, via Belgio 42, tel. 0522368111 e Parisetti in via Toschi 24, tel. 0522 499611.

Il comune di Reggio Emilia, intanto, dà una risposta indiretta alle proteste dei cittadini, di Unindustria e del mondo politico per la disastrosa situazione della strade, dove la “pulizia” notturna è consistita in molte situazioni nell’accumulare la neve sui marciapiedi o contro le auto parcheggiate, bloccando così migliaia di persone che oggi hanno perso la giornata di lavoro.

“Le operazioni di salatura e di spalatura – svolte attraverso la collaborazione di Iren secondo le modalità previste dal Piano neve – sono in corso dalla sera di ieri (giovedì, ndr.) con 125 mezzi complessivamente in azione. Tali mezzi stanno operando con regolarità come previsto dal Piano, ogni ora e mezza sugli assi principali della viabilità cittadina e ogni sei ore circa sugli assi secondari”.

“In queste ore – precisa ancora il Comune – è  stata garantita l’accoglienza all’interno delle strutture scolastiche, rimaste aperte fino alle ore 16 di questo pomeriggio,  per agevolare le famiglie impossibilitate a organizzarsi per tenere i figli a casa già oggi e per garantire, a loro e agli studenti, il necessario margine di tempo per il rientro a casa”.

“Dato il perdurare della difficile situazione meteorologica, e il previsto ulteriore irrigidimento delle temperature, si è invece ritenuto opportuno disporre per la giornata di domani, sabato 7 febbraio, la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Chiusi anche gli impianti sportivi cittadini, con deroga per quanto riguarda il Palazzetto dello sport di via Guasco, che rimarrà aperto sia oggi sia domani, e per la piscina comunale di via Melato che, chiusa oggi, sarà aperta domani 7 febbraio”.

DANNI SOPRATTUTTO AL PATRIMONIO VERDE

Aggiunge il comune: “E’ al patrimonio verde che si registrano i danni maggiori. Inoltre, Il crollo di rami e alberature sotto il peso della neve ha provocato danni agli impianti dell’energia elettrica, in particolare di quelli in circonvallazione, con conseguenti interruzioni nelle forniture.
L’Amministrazione ribadisce l’invito ai cittadini a collaborare per la sicurezza di tutti, anche in vista dell’irrigidirsi delle temperature nelle prossime ore, e a non effettuare in queste ore spostamenti che non siano strettamente necessari”.

L’EMERGENZA BLACK OUT. MANGHI: “SENTIMENTI DI RABBIA, CHIEDEREMO CONTO DELLE RESPONSABILITÀ”.

Ma torniamo ai black out. Situazioni di emergenza a Viano (da ieri senza luce), a Quattro Castella e a Rubiera, dove il comune ha allestito un rifugio notturno riscaldato a Ponte Luna (area sportiva Tetra Pak).
Disagi per tutta la giornata anche ad Albinea, Bagnolo, Cadelbosco Sopra, Scandiano, Arceto, Fellegara, Puianello, Montecavolo, Quattro Castella, Campagnola, Reggiolo e Vezzano.
A Reggio città intere zone senza luce e al freddo: quartiere Fenulli, via della Canalina, via Martiri della Bettola, via Leopardi,  via Fosse Ardeatine, via Learco Guerra.

Parole severe verso l’Enel anche dal presidente della provincia Manghi: “Il problema più grande da risolvere resta la riattivazione della corrente elettrica, che interessa 43 dei 45 Comuni della Provincia di Reggio Emilia. Tanti, troppi cittadini, almeno 150mila in tutto il territorio provinciale, come molti ci hanno segnalato in queste ore di intenso lavoro, sono tuttora privi di luce elettrica.
Nella riunione in PRefettura l’ENEL, rappresentata da una sua maestranza, ha affermato di non essere al momento in grado di definire puntualmente i tempi del recupero dei guasti”.

“Ci sarebbe spazio per esprimere molte considerazioni, rabbia o forse peggio. Mi limito a sottolineare che i Comuni, i Sindaci, la Prefettura, la Protezione Civile e le Forze dell’ordine sono al lavoro da ore per garantire una possibilità di accoglienza per la notte ai tanti cittadini rimasti al buio e al freddo delle loro case. Da parte nostra tutto il possibile è stato fatto affinché questa nevicata, di certo prevista, ma particolarmente ingente dal punto di vista dell’intensità, non mettesse in ginocchio il nostro territorio. Purtroppo, ci troviamo di fronte a una situazione che, a causa del black out, ha tutte le caratteristiche dell’emergenza e come tale la stiamo affrontando e provando a risolverla. Non mancheremo di compiere riflessioni e analizzare le responsabilità quando il maltempo sarà concluso: per ora, ci comportiamo e operiamo da amministratori che hanno la priorità di tutelare tutte le comunità della Provincia di Reggio Emilia”.

SCUOLE E MERCATI
Tutti i Comuni hanno disposto la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per domani, sabato. Sospesi i mercati del sabato a Casina e Campagnola, mentre quello del contadino in piazza Fontanesi a Reggio si svolgerà regolarmente.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. votantoniolatrippa Rispondi

    07/02/2015 alle 10:27

    antoniolatrippa è stato votato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *