Black out, Bini accusa: “In montagna non si fanno più manutenzioni. La privatizzazione Enel ha portato solo problemi”

10/2/2014- Ci sono ancora problemi, legati in particolare alla linea di bassa tensione, per alcune località di Castelnovo Monti che non riescono ad avere un collegamento stabile con la rete elettrica.

Afferma il Sindaco di Castelnovo, Enrico Bini: “Abbiamo la località di Cinqueterre che è al momento ancora senza luce, con i problemi che proseguono da giovedì notte. Si tratta di famiglie che hanno anche persone anziane in casa, che si scaldano come possono, e vivono disagi che sono facilmente comprensibili. Attraverso il centro operativo comunale li stiamo seguendo e sostenendo quotidianamente, ed Enel ci comunica che probabilmente entro il pomeriggio di oggi sarà ristabilita la linea, sulla quale sono stati individuati cinque punti con cavi lesionati da rami o alberi caduti”.

Una situazione che però secondo Bini non si può semplicemente imputare a sfortuna o condizioni eccezionali: “Per tutta la montagna, normalmente Enel conta su una squadra di 7 persone,
assolutamente insufficiente per un territorio di questo tipo. La manutenzione delle linee non viene più fatta. Per gli interventi di emergenza, come in questo caso, ci si affida a tecnici che arrivano da fuori e non conoscono la zona: quelli al lavoro sulla situazione di Cinqueterre arrivano da Aulla: abbiamo il nostro Consigliere comunale Giorgio Severi che li sta accompagnando, e sono in contatto costante con il Centro
Operativo Comunale, che fornisce le indicazioni su dove permangono i guasti, così da orientarsi. Un’altra squadra che doveva arrivare dall’Umbria, assegnataria di un appalto di manutenzione, non è nemmeno riuscita ad arrivare”.

Conclude Bini: “Per il nostro territorio la privatizzazione di
Enel ha comportato solo aspetti negativi, è un tema sul quale andrà aperta una riflessione seria a seguito dei danni gravissimi provocati nella nostra provincia da questo black out dalle dimensioni paradossali”. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *