L’antica via del Volto Santo: una ciclopedonale da Mantova a Lucca via Appennino. Convegno con Prodi e Bonaccini

18/2/2015 – Ci saranno anche Romano Prodi (grande ciclista) e il governatore Stefano Bonaccini al convegno di giovedì 19 alle 15 nella cornice del Museo diocesano di Reggio Emillia, per il lancio del grande progetto di una pista ciclopedonale  da Mantova a Lucca, passando per  Guastalla e l’appenino Reggiano-modenese, lungo un percorso noto fin dal Medioevo come “la via Matildica del Volo santo”. Il Volto Santo , che la leggenda vuole scolpito da San Nicodemo, conservato a Lucca e oggetto di pellegrinaggi da più di mille anni, arrivò sulle sponde di Luni nel 747 insieme all’ampolla del Preziosissimo Sangue, venerato a Sarzama. 
Giovedì dunque si parlerà di un progetto dai risvolti turistici:  
L’idea di partenza è sfruttare i percorsi già esistenti e  crearne di nuovi dove mancano. 

La figura di Matilde di Canossa, personalità chiave del medioevo europeo, è direttamente legata a quattro luoghi emblematici:
  1. Mantova, che diede i natali a Matilde; 
2. San Benedetto Po, nella cui abbazia ebbe sepoltura prima di essere trasportata in Vaticano;  
3. Canossa, dove avvenne il noto episodio dell’umiliazione dell’Imperatore di Germania; 
4. Lucca, città originaria della famiglia di Matilde. 

Il percorso a piedi prevede 12 tappe e ospitalità in varie strutture presenti sul territorio, come l’ostello di Guastalla o l’ex Abazia di Marola.
Le tappe, secondo una prima ipotesi, sarebbero: 1) Mantova – San Benedetto Po 2) Guastalla 3) Reggio Emilia 4) Vezzano 5) Carpineti 6 ) Toano 7 ) Morsiano 8) San Pellegrino in Alpe 9) San Romano in Garfagnana 10) Castelnuovo di Garfagnana 11) Borgo a Mozzano 12) Lucca. 
Questo sentiero, integrato con collegamenti ad altri luoghi vicini, a partire da Canossa, si presenta ricco di suggestioni sul piano paesaggistico e culturale, con chiese, castelli, monasteri e tante realtà di rilievo. Questo percorso storico, tuttavia, taglierebbe fuori la Lunigiana e soprattutto Sarzana, dove è conservato il Preziosissimo Sangue la cui vicende sono strettamente collegate al Volto Santo,  e Luni antica, luogo del ritrovamento. 



IL CONVEGNO
L’incontro è promosso dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano ed dal Comune di Vezzano sul Crostolo, unitamente agli Uffici di Pastorale Giovanile delle Diocesi di Lucca, Mantova e Reggio Emilia-Guastalla.

Partecipano Romano Prodi, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il vescovo di Reggio Emilia-Guastalla Massimo Camisasca, il professor Paolo Piacentini del Gabinetto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, i sindaci dei Comuni capoluogo, il Presidente Unindustria Reggio Emilia Mauro Severi, il Responsabile dell’Ufficio Paesaggio Direzione Regionale MIBAC Ilaria Di Cocco, il Responsabile di Progetto Soprintendenza SBAP di Bologna Emanuela Storchi.

L’evemtl è promosso in vista del pellegrinaggio dei giovani che si terrà tra luglio e agosto 2015, cammino che partendo da Mantova (anch’essa città del Preziosissimo Sangue) giungerà a Lucca (città del Volto Santo) attraversando le terre matildiche, con l’importante tappa di San Pellegrino in Alpe.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *