Siamo tutti Charlie: 5.000 in piazza a Reggio per la libertà e contro il terrore

11/1/2015 – In migliaia per dire “Je suis Charlie”, in migliaia per gridare “Libertè Fraternitè Egalitè” contro il terrorismo, il fondamentalismo e l’attacco alla libertà. Mentre a Parigi più di due milioni di persone erano nelle strade, oggi pomeriggio a Reggio Emilia si sono ritrovate in corteo circa cinquemila persone (secondo le valutazioni della Questura) per ricordare le vittime delle stragi di Parigi (giornalisti, vignettisti, poliziotti, persone di religione ebraica) per schierarsi con la Francia e contro l’orrore del mondo. Molti erano armati di matite, altri esponevano i cartelli “Io sono Charlie”.

charlie

Si sono ritrovati tutti alle 15,30 in piazza Gioberti per la manifestazione voluta dal comune di Reggio e dalla Provincia, con l’adesione di decine di associazioni e istituzioni di ogni ispirazione, laiche, cattoliche , islamiche. Delle adesioni, circa la metà è arrivata dalle associazioni dei cittadini stranieri. I giornalisti erano in prima fila.

Da rilevare che nessuno ha speso un cartello per la strage antisemita nel supermercato kosher di Parigi, costato la vita a quattro ebrei colpiti in quanto ebrei.
Il corteo è sfilato sino a piazza Prampolini, dove hanno parlato il sindaco Luca Vecchi e il presidente della provincia Giammaria Manghi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *