Pensionato di Boretto va dall’assicuratore con due proiettili: “Uno è per te, l’altro per tuo figlio”. In casa aveva centinaia di munizioni

22/1/2015 – Un malinteso su una polizza assicurativa ha fattl imbestialire un pensionato di Boretto che non ha esitato a raggiungere l’agenzia di cui era cliente e minacciare l’assicuratore, a seguito di una controversia nata per il mancato risarcimento di un sinistro. Un episodio verificatosi nel mantovano e rimbalzato immediatamente a Boretto, comune della bassa reggiana, dove il pensionato risiede. 
I carabinieri della locale Stazione, acvertiti dai colleghi mantovani, si sono quindi precipitati presso l’abitazione del pensionato dando corso a una perquisizione domiciliare che ha portato al rinvenimento di circa 400 munizioni illegalmente detenute e di una carabina che,  seppur posseduta regolarmente è stata sequestrata in via cautelativa.
 Fermo restando l’episodio accaduto negli uffici di un’assicurazione di Mantova, per il quale l’uomo sarà denunciato per minacce, i Carabinieri di Boretto, hanno deferito alla Procura di Reggio Emilia  un pensionato 65enne del paese  per detenzione abusiva di munizioni e detenzione oltre la quantità massima consentiva. 
Nei suoi confronti i Carabinieri hanno anche proceduto, oltreché al sequestro penale delle munizioni,  al ritiro cautelare della carabina che l’uomo deteneva a casa. 
Ma veniamo a quello che è accaduto a Mantova, episodio che ha messo in moto la perquisizione a Boretto. Il pensionato,  ritenendo di dover essere risarcito per un sinistro, è andato dal suo assicuratore e gli ha mostrato 2 cartucce e gli ha detto: “Una è per te, l’altra per tuo figlio”. Poi si è allontanato. L’assicuratore ha sporto denuncia per minaccia, e i militari mantovani  hanno informato i colleghi di Boretto, dove il pensionato vive. Nella  perquisizione domiciliare somo saltate fuori 353 cartucce calibro  .22LR e un bossolo vuoto già esploso calibro .243W identico a quello mostrato minacciosamente all’assicuratore.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *