Madre seviziata davanti ai figli minori: arrestato l’ex marito di 35 anni

6/1/2015 – È stato il comandante provinciale dei Carabinieri di Reggio Emilia, colonnello Paolo ZIto, a sottolineare, alla fine dell’anno,  l’aumento esponenziale delle liti in famiglia, vittime in prevalenza le donne, con circa 1.800 interventi nel corso del 2015:  una media di 5 al giorno. 
Il 2015  inizia con l’ennesima vicenda di violenza tra le mura domestiche, vittima ancora una volta una donna, alla quale l’ex marito ha inflitto pet anni inaudite sofferenze fisiche e psichiche. L’uomo non esitava a picchiarla e minacciarla con il coltello anche in presenza dei figli minori. Una brutta storia quella ricostruita dai Carabinieri della Stazione di Corso Cairoli, a Reggio città,  a seguito delle quali il sostituto procuratore Stefania Pigozzi ha chiesto e ottenuto dal GIp del Tribunale di Reggio Emilia un provvedimento restrittivo di natura cautelare, eseguito ieri mattina. 
 Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate, i Carabinieri della Stazione di Corso Cairoli hanno arrestato uomo italiano di 35 anni residente a
Reggio Emilia. Questi, stando al capo d’imputazione,  nonostante la separazione coniugale avvenuta nel 2011 e la ripresa della convivenza coniugale avvenuta nel giugno del 2012, maltrattava la moglie, una 36enne italiana abitante a Reggio Emilia, infliggendole abitualmente sofferenze fisiche e
psicologiche. La picchiava frequentemente con schiaffi e calci, anche davanti ai figli minori, costringendola a subire i suoi continui tradimenti, stringendole le mani al collo, minacciandola con un coltello e schiaffeggiandola con forza per costringerla a rivelargli la password del cellulare e controllare gli SMS. L’avrebbe minacciata di morte anche sul
luogo di lavoro, procurandole a seguito degli schiaffi una contusione all’emivolto, chiamandola ripetutamente al telefono per minacciarla ed offenderla, minacciando di morte i familiari e appostandosi presso il luogo di lavoro della moglie per intimorirla.
 E’ stata la vittima, dopo l’ennesimo episodio di violenza, a trovare il coraggio di rivolgersi  denunciando le angherie e le violenze subite dal marito.  Ricevuto il provvedimento i Carabinieri della Stazione di Corso Cairoli che hanno condotto le indagini ieri mattina vi davano esecuzione arrestando l’uomo che al termine delle formalità di rito veniva condotto in carcere.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *