Il governo elimina il voto capitario? Volano le popolari a piazza Affari: Bper +8,51, Pop. Milano +14,89, Banco +8,33

19/1/2015 – Una giornata da incorniciare in Borsa per le banche popolari: i titoli sono letteralmente volati sull’onda dei rumors intorno al decreto sul sistema bancario che sarà varato domani dal governo Renzi. Il mercato ha scommesso sulla fine del voto capitario (del resto chiesta in modo perentorio dalla Bce), ovvero su riassetto della governance delle popolari   che mitigherebbe, o corse farebbe scomparire, la regola bronzea del voto per testa a scapito della proprietà del capitale. Lo scontro è annoso, soprattutto all’interno di Pop. Milano e della Bper.
La Popolare dell’Emilia Romagna ha chiuso la giornata a +8,51% (valore 5,545), addirittura a +14,89% la Popolare di Milano (titolo 0,683). Balzo  dell’8,33% per il Banco Popolare (che incorpora anche San Geminiano San Prospero) a 10,40.

Nel complesso piazza Affari ha registrato un progresso dell’1,17%, in u q giornata in cui sono andate bene anche le azioni del lusso, mentre a Milano sono in corso le sfilate delle collezioni maschili del prossimo autunno-inverno.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *