Fanno il pieno del Bmw a sbafo. Presi a Boretto due vampiri di gasolio

11/1/2015 – Hanno raggiunto di notte la zona industriale di Boretto, dove hanno riempito il serbatoio della loro auto con il gasolio trafugato da un camion in sosta. Ma appena finito “il pieno fai da te” sono stati notati dai Carabinieri: uno è stato fermato sul posto, l’altro bloccato mentre rincasava: le mani odoravano ancora di gasolio.
Con l’accusa di furto aggravato i Carabinieri della Stazione di Boretto hanno denunciato alla Procura reggiana un cittadino moldavo di 27 abitante a Sabbioneta, e un suo connazionale di 22 anni.

Durante un servizio di controllo del territorio, una pattuglia dei Carabinieri di Boretto transitando lungo via Pasubio, nella zona industriale di Boretto,  notava la presenza di una BMW 320 parcheggiata con un giovane a bordo. Trattandosi di zona in cui nel passato si sono verificati alcuni furti, i militari hanno proceduto ai controlli, identificando il giovane nel 27enne moldavo di Sabbioneta.

L’auto aveva il tappo del serbatoio aperto e uno spezzone di tubo in gomma infilato dentro. Alle spalle della vettura i militari hanno trovato una tanica vuota, aperta, contenente residui di gasolio. Accertato che era stato appena travasato del gasolio nel serbatoio dell’auto,  i militari effettuavano una ricognizione nei presi localizzando un camion che aveva il serbatoio senza tappo, e nei pressi per terra tracce estese di gasolio.
Nella vettura inoltre  i Carabinieri rinvenivano i documenti di identità di altro cittadino moldavo abitante a Boretto. E mentre il fermato veniva condotto in caserma,  i Carabinieri avviavano le ricerche dell’intestatario dei documenti. Lo hanno atteso sotto casa sino a quando poco dopo non il giovane non arrivava, con la prova inaquivocabile della sua partecipazione al furto: le mani emanavano un fortissimo odore di gasolio. Il giovane raggiungeva quindi il complice in caserma con i Carabinieri, che procedevano alla denuncia dei due in ordine al reato di concorso in furto.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *