A Montecchio guerra a colpi di incendi dolosi: in 24 ore bruciati un autocarro e tre auto

30/1/2015 – Ondata di incendi dolosi a Montecchio. Dopo La Croma bruciata ieri pomeriggio vicino all’Enza,  verso la mezzanotte i Vigili del Fuoco sono intervenuti a Montecchio per l’incendio di un autocarro intestato a una ditta edile di Bibbiano  parcheggiato in via Ungaretti. Le fiamme hanmo distrutto la cabina di guida del veicolo.
Poco prima delle 2, sempre a Montecchio Emilia  un’altro incendio ha distrutto una vettura parcheggiata in via Al Forte all’altezza del civico 24.
L’auto, una Fiat Stilo intestata a un 42nne reggiano, èandata completamente distrutta. Distrutta anche una macchina parcheggiata accanto, la Chevrolet Aveo di proprietà di un uomo di 48 anni.
Oltre ai vigili del fuoco sono intervenuti i Carabinieri, che hanno avviato stringenti indagini. In poche ore tre auto e un autocarro a fuoco, in tre distinti incendi, appiccati il giornl dopo la maxioperazione Aemilia contro la ndrangheta:  è in atto una “guerra”? 

Una settimana fa, il tribunale di Reggio Emilia, nell’ambito dell’inchiesta Mille Fiori, aveva sequestrato beni e società per dieci milioni a Palmo Vertinelli, 53 anni, costruttore cutrese di Montecchio. Vertinelli inoltre è sfuggito alla cattura l’altra mattina durante l’operaziome Aemilia: la Dda di Bologna lo considera un affiliato all’associazione ndranghetista di Reggio, al pari del fratello Giuseppe (arrestato). Palmo è fuggito in tempo, ed è attivamente ricercato. Nel maggio 2012, il pentito Vincenzo Marino affermò che Palmo Vertinelli “ha la potenza di un Grande Aracri”. 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *