Tenta il suicidio, donna salvata in extremis dai Carabinieri avvertiti da una vicina

17/12/2014 – I Carabinieri di Boretto hanno salvato una signora di 60 anni che aveva tentato di togliersi. L’hanno trovata appena in tempo riversa a terra, cianotica e rantolante. Ormai non respirava più. Ora è ricovera in ospedale con prognosi riservata, ma non è più in pericolo dimvita.
E’ statoml’intervento provvidenziale di una vicina di casa, che è andata dai Carabinieri di Boretto riferendo al maresciallo le sue preoccupazioni per il fatto di non aver piu vistonlamsuanvicina dal mattino del giorno precedente. La porta di casa eramchiusama chiave e la donna non rispondeva al telefono.
Il Maresciallo e un altro carabiniere si sono precipitati nell’abitazione della donna, una pensionata di 60 anni. I militari si sono arrampicati raggiungendo il balcone del primo piano e riuscendo così a entrare dalla porta finestra. Hanno trovato la donna riversa a terra in camera da letto, con la testa all’indietro, rantolante e con un grave deficit respiratorio. In attesa dei sanitari chiamati dai Carabinieri, i militari prestavano i primi soccorsi adagiando la donna su un fianco, coprendola con una coperta di lana e liberandole la bocca da alcuni grumi di catarro, al fine di favorire la respirazione. Nell’appartamento è stata trovata una confezione di un farmaco sedativo completamente vuoto, probabilmente assunto dalla donna con intenti suicidi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *