Record alla Grande Cena di Boorea: 850 persone e incasso netto sopra i 20 mila euro per i progetti Madagascar e Cambogia

4/12/2014 – 850 persone, inclusi 100 volontari Auser e del Salone delle Feste di Correggio, alla Grande Cena di Boorea per un incasso netto superiore ai 20.000 euro.
Numeri veramente impressionanti, tanto più considerando il difficile periodo che ancora vive buona parte dell’economia reggiana, per la 15a edizione della Grande Cena di Boorea, che ha toccato cifre record.
Un evento unico quello della Grande Cena, che per una sera funziona come un enorme ristorante, con gli chef a cucinare i piatti all’istante dopo che decine di volontari per giorni hanno preparato gli ingredienti necessari (quest’anno per 14 mila cappelletti fatti rigorosamente a mano e 420 stinchi…), a dimostrare una volta di più la generosità dei reggiani.
Saranno quindi finanziati secondo gli obiettivi prefissati sia l’ospedale psichiatrico di Ambokala in Madagascar, gestito dalla volontaria reggiana del Centro Missionario Diocesano Enrica Salsi, che le attività contro la sfruttamento delle donne cambogiane promosse dalla ong bolognese Gvc.
Due piccole donazioni, che andranno ad aggiungersi a quelle
già effettuate negli anni scorsi, saranno effettuate anche a favore delle comunità di Reggiolo e Finale Emilia, colpite dal terremoto 2012.
Durante la serata, introdotta dal presidente di Boorea Luca Bosi, dal sindaco di Correggio Ilenia Malavasi e dal presidente provinciale di Auser Sandro Morandi, sono intervenuti anche don Gabriele Carlotti, direttore del Centro Missionario Diocesano, e Dina Taddia e Margherita Romanelli, presidente e capoarea di Gvc, per illustrare i due interventi di solidarietà sostenuti dalla Grande Cena che, in 15 anni, ha raccolto ormai oltre 300.000 euro per iniziative di solidarietà e cooperazione internazionale.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *