Madre muore di parto al Magati: il bimbo è stato salvato. Inchiesta della Procura

5/12/2014 –  Tragedia questa notte all’ospedale Magati di Scandiano: una mamma è morta durante un parto cesareo d’emergenza, resosi necessario a seguito di una improvvisa sofferenza fetale. Lo ha comunicato alle 15 di oggi la direzione dell’Azienda USL di Reggio Emilia che esprime ” le più sentite e non formali condoglianze alla famiglia per la gravissima perdita”.
La donna era stata ricoverata d’urgenza, dopo una gravidanza apparentemente senza problemi.
Sul decesso, che ha sconvolto tutti gli operatori dell’ospedale, la Procura della Repubblica di Reggio Emilia ha aperto un’inchiesta.
“Il neonato ora sta bene ed è ricoverato nel Reparto di ostetricia e ginecologia dell’Ospedale di Scandiano – aggiunge l’Ausl – Tutti gli interventi messi in atto da parte dei sanitari, con grande tempestività, per salvare la vita della donna sono purtroppo stati vani. E’ stata subito attivata, come da prassi, una valutazione del percorso clinico-assistenziale ed è stato richiesto un riscontro diagnostico per accertare le cause di questo evento così drammatico”.

“Si è trattato -conclude la nota – di un evento tragico che ha profondamente colpito e addolorato tutto il personale dell’Ospedale, partecipe, con commozione, al dolore dei familiari.
La famiglia, in questo momento di grande dolore, chiede riserbo e rispetto della privacy”.
________________
In Emilia-Romagna la mortalità materna per cause legate al parto è un evento estremamente raro, ma purtroppo possibile.
Al taglio cesareo è associato un rischio di morte materna circa 5 volte superiore a quello associato al parto spontaneo, ma è evidente che una parte rilevante di questo aumento di rischio è attribuibile alla patologia che ha indotto il taglio cesareo e non all’intervento chirurgico in sé.
In caso di taglio cesareo, nei paesi industrializzati è riportata una mortalità materna di 13 donne ogni 100.000 parti.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *