Evade dai domiciliari per terrorizzare l’ex fidanzata. Torna in carcere il violentatore di Cadelbosco

26/12/2014 – Ecco una persona che non merita la misura alternativa degli arresti domiciliari. Un uomo di 24 anni, arreststo e incarcerato per aver violentato per ore la ex fidanzata che non voleva più saperne di lui, dopo nove mesi di custodia cautelare il 3 dicembre è tornato a casa dai genitori a Cadelbosco. Ma questa notte, dopo le 24, è evaso dai domiciliari per amdar a terrorizzare la ex, che si è barricata in casa. I Carabinieri lo hanno arrestato e ricondotto in carcere dopo un’ora di ricerche. 
 Proprio alla vigilia di Natale, la ragazza aveva ricevuto una lettera piena di minacce, il cui autore non è ancora certo. 

 I fatti risalgono riguardano una ragazza poco più che ventenne di Reggio Emilia che il 19 marzo scorso era andata a casa del fidanzato, un 24enne della bassa,  per annunciargli che il loro rapporto era finito.  Lui l’ha fatta accomodare a casa e dopo aver sentito le ragioni della visita la pestata brutalmente, le ha strappato i capelli, le ha spaccato mobili in testa e ha abusato di lei più volte. Dopo alcune ore, grazie a un momento di disattenzione, la ragazza era riuscita a scappare ed è stata soccorsa in strada da un passante. Per quei fatti i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia avevano arrestato l’uomo per il reato di sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni.
Mentre la ragazza veniva curata in ospedale e dimessa con una prognosi di una decina di giorni, il bruto era andato a mangiare al ristorante, e lì i Carabinieri lo avevano messo in manete. 
 Dopo 9 mesi di custodia cautelare in carcere il 24enne ha ottenuto loi scorso 3 dicembre il beneficio degli arresti domiciliari presso l’abitazione dei suoi genitori; arresti che però stanotte  ha violato per presentarsi sotto casa dell’ex che ancora terrorizzata si è barricata in casa. E’ stato il nuovo fidanzato a dare l’allarme al 112 dei Carabinieri. 
L’evaso si dava alla fuga, ma dopo circa un’ora di ricerche l
veniva rintracciato dai Carabinieri di Cadelbosco Sopra presso la sua abitazione, dove era nel frattempo rientrato, venendo tratto in arresto con l’accusa di evasione. La posizione del ragazzo è al vaglio anche in relazione ad un’altra circostanza capitata alla vigilia di Natale alla ragazza: ignoti hanno infilato nella sua cassetta postale una lettera anonima dai contenuti minacciosi. I militari non escludono che gli episodi possono essere collegati.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *