Cronache del mistero: premiato Nicola Tosi per le ricerche sulle “sfere di luce” della Pietra di Bismantova

24/12/2014 – Importante riconoscimento Nicola Tosi, fondatore del Project Uap Italia e promotore delle indagini scientifiche sui fenomeni luminosi anomali dell’Appennino, e in particolare sulle sfere di luce della Pietra di Bismantova.
Tosi, il 6 dicembre, ha ricevuto a Piani di Arcinazzo (Roma) il premio “Cronache del mistero” nel corso di una manifestazione condotta dallo studioso e saggista Giancarlo Pavat, dove si è ritrovata gran parte del mondo che in Italia si dedica alle indagini e alla divulgazione di temi e scienze di confine.
Il ricercatore di Montefiorino e stato premiato proprio nella sezione Earth Light “per aver ideato il “Project UAP-Italia”, finalizzato allo studio e la ricerca su una particolare fenomenologia aerea e luminosa che si sta manifestando in varie zone del mondo, denominata UAP (Unidentified Aerial Phenomena)”.

Fra i premiati anche i parmigiani Giorgio Pattera per l’esobiologia e Marco La Rosa, il giornalista genovese Rino Di Stefano per i suoi studi sul caso Zanfretta, lo speleologo Augusto Carè, lo storico dell’arte Giorgio Pacetti, Giorgio Copiz per gli studi sul megalitismo, Ignazio Burgio per l’archeoastronomia, Sabrina Pieragostini, Lavinia Pallotta.

Ecco l’elenco completo dei riconoscimenti “Cronache del mistero”.

1) Prof. Augusto CARÈ (Falvaterra FR), geologo e speleologo, per la decennale opera di esplorazione, tutela e valorizzazione del complesso ipogeo delle Grotte del Rio Obaco e di Falvaterra.

STORIA DELL’ARTE
2) Dott. Giorgio PACETTI (Piglio FR), per la decennale opera di studio, tutela e valorizzazione della chiesa medievale di S Rocco a Piglio e dei suoi affreschi;

3) Marco DI DONATO (Avellino), ricercatore, per il libro “I misteri del Goleto” sull’omonima abbazia irpina;

SIMBOLISMI
4) Arch Giancarlo MAROVELLI (Lucca), architetto, per la ricerca che da anni sta portando avanti nel campo dei simbolismi.

5) Vito ZUCCARO (Piana degli Albanesi – Palermo), per l’innovativa teoria dei cerchi concentrici;

6) Renata GARUTTI (Rieti), per lo studio dei significati simbolici, esoterici ed iniziatici della figura del Labirinto e la realizzazione di esemplari dello stesso. Libro “Iniziazione al labirinto” (scritto con Alexandra Pitt e Alessandro Narducci, Edizioni mediterranee 2012)

ARCHEOLOGIA

7) Roberto NINI (Narni TR), archeologo; per la sua scoperta degli affascinanti e misteriosi sotterranei della città di Narni, in particolare la cella del tribunale dell’Inquisizione con i suo enigmatici graffiti.

MEGALITISMO
8) dott. Giorgio COPIZ (Frosinone), per essere stato il primo, oltre 30 anni fa a portare all’attenzione della comunità scientifica e degli appassionati l’evidenza che le antiche città ciclopiche dell’Italia centrale fossero disposte ad immagine delle costellazioni celesti.

9) Arch Daniele BALDASSARRE (Fiuggi FR), per le sue ricerche sul campo, studi e pubblicazioni sui misteri delle “Città megalitiche” del Lazio meridionale.

10) Giovanni FEO (Pitigliano GR), ricercatore ed archeologo, per la sua attività di ricerca nel campo dei misteri degli Etruschi e in particolare per il libro “Il tempio perduto degli etruschi” C&P Adver Effigi editore.

ARCHEOASTRONOMIA
11) Ignazio BURGIO (Catania), ricercatore, autore del libro “Le Civiltà Stellari”.

LEGGENDE
12) Adriano VANIN (Brianza), fisico, speleologo, alpinista; per la sua ricerca sui miti e leggende delle Dolomiti, in particolare su quelle afferenti la “Saga dei Fanes” e per il suo libro “Il Regno dei Fanes – Analisi di una Leggenda delle Dolomiti”. (Il Cerchio 2013).
Il “Regno dei Fanes” è una complessa leggenda che i ladini delle Dolomiti si sono tramandati oralmente per molteplici generazioni. Narra di un antico regno sulle montagne, che divenne potente e glorioso ma fu poi distrutto dal tradimento. L’unica saga nata sul territorio italiano che sia vagamente paragonabile ai grandi cicli leggendari europei, come quello arturiano o quello nibelungico, fu raccolta e trascritta da Karl Felix Wolff, l’autore de “I monti pallidi”. Analizzata oggi alla luce delle recenti ricerche archeologiche, storiche, geologiche ecc.., essa lascia intravedere dei precisi riferimenti al quadro culturale proprio dell’epoca di transizione tra l’età del Bronzo e quella del Ferro.

TEMPLARI
13) Prof. Giuseppe FORT (Roma), di origini friulane, archeologo e docente universitario, per l’importante contributo dato alla conoscenza della storia dell’Ordine del Tempio grazie alle sue campagne di scavi archeologici in Italia e nel mediterraneo.

14) Prof. Stelio W. VENCESLAI (Roma), per il suo libro “L’Utopia Templare” (Laris 2011);

15) Prof. Domenico ROTUNDO (Veroli – Calabria), per la sua opera di ricerca e divulgazione degli aspetti più sconosciuti della storia dell’Ordine del Tempio e della Calabria.

ESOBIOLOGIA
16) Giorgio PATTERA (Parma), biologo, direttore scientifico del “Centro di Ricerche di Esobiologia Galileo”; per la sua decisiva opera di ricerca e divulgazione nel campo dell’esobiologia.

Giorgio Pattera, 64 anni, Da sempre appassionato studi e ricerche su  possibili forme di vita extraterrestre,  iscritto dal 1980 al C.U.N. (Centro Ufologico Nazionale), di cui dirige la sede di Parma dal 1982; cura, fra l’altro, la catalogazione informatizzata degli avvistamenti UFO (dal 1947 a tutt’oggi) su tutto il territorio provinciale. Ricopre anche l’incarico di Coordinatore Regionale per l’EMILIA e dal 1999 ha l’incarico Direttore Tecnico del Comitato Scientifico del CUN per le ricerche sul campo e le analisi di laboratorio. Fa parte, inoltre, della Commissione scientifica “CSA”, creata allo scopo di studiare il fenomeno “abduction” in ogni sua manifestazione. Grazie all’esperienza maturata nel corso di oltre 30 anni d’attività come libero ricercatore, affianca le Autorità (Carabinieri, Polizia Municipale) durante le indagini, atte a smascherare la diffusione di “avvistamenti” falsi e di notizie atte a turbare l’ordine pubblico.

17) Enrica PERUCCHIETTI (Torino), ricercatrice, giornalista e scrittrice; per il libro “Il fattore Oz” (X-Publishing 2012).

UFOLOGIA
18) Enrico BACCARINI (Firenze), psicologo; per il libro “Vimana e le Guerre degli Dei. la riscoperta di una civiltà perduta, di una scienza dimenticata, di un antico sapere custodito tra India e Pakistan” (Secreta publishing 2014, con Introduzione di Graham Hancock e Postfazione di Diego D’Innocenzo).
E’ stato membro fondatore Comitato Interdisciplinare per le Ricerce Protostoriche e Tradizionali (CIRPET) e co-fondatore della rivista  “ARCHEOMISTERI, I QUADERNI DI ATLANTIDE”. Dal 1989 al 2009 è stato membro del Centro Ufologico Nazionale (CUN) con incarichi direttivi. Ha presenziato come relatore a conferenze in Italia e all’estero, ha presentato relazioni sulle fenomenologie dell’insolito (misteri del passato, psicologia dell’insolito e anomalistica, ufologia, etc.) in numerosi congressi scientifici nazionali e internazionali. In campo psicologico e antropologico si occupa di culti abusanti, del fenomeno dei Nuovi Movimenti Religiosi (NMR), del fenomeno delle sette e dei culti moderni e di exit counseling collaborando con la principale struttura italiana in materia.

19) Rino DI STEFANO (Genova), giornalista e scrittore, per la sua  opera nel campo dei misteri della storia e delle cronaca e, in particolar modo, per il determinante contributo nelle ricerche e divulgazione del “Caso Zanfretta”.

20) Massimo FRATINI (Roma), ricercatore e scrittore, per la sua attività di ricerca e divulgazione mediante il suo sito “Segni dal Cielo”.

MISTERI DELLA CRONACA
21) Silvia AGABITI ROSEI (Roma), giornalista, caporedattrice riviste X-Publishing, e ricercatrice. Per la sua opera di controinformazione e  gli studi sulla manipolazione dell’opinione pubblica attraverso i mass media.

MISTERI DELLA STORIA
22) Marco LA ROSA (Parma), scrittore e ricercatore, per il libro “L’Uomo Kosmico”, (OmPhi Labs 2014).
Studioso di antiche civiltà. In oltre venticinque anni di ricerche, perseguendo tenacemente il principio della “interdisciplinarità”, ha raccolto, studiato e divulgato scoperte scientifiche, archeologiche e della conoscenza in generale. Dal 2008, attraverso il blog marcolarosa.blogspot.it e con l’aiuto del biologo Matteo Zavattaro, è stata creata una rete di esperti di ogni campo che si comunicano e scambiano informazioni sulle ultime frontiere della conoscenza.

23) Osvaldo CARIGI (Toscana), scrittore e ricercatore; per la sua inesausta attività di ricercatore sul campo e scrittore e divulgatore su diverse tematiche del Mistero.

24) Dott. Giacinto MARIOTTI (Ferentino) per il libro “Massoneria in Ciociaria”.

25) – Roberto VOLTERRI (Roma), archeologo, per il libro “I Libri dell’Abisso” (Eremon edizioni 2014).
scritto assieme a

26) Bruno FERRANTE per il suo libro “I libri dell’abisso”.

27) Marco PIZZUTI (Roma), scrittore, per i libri “Scoperte Scientifiche non Autorizzate” (Il Punto d’Incontro Edizioni 2011) e “Esperimenti Scientifici Non Autorizzati” (Il Punto d’Incontro Edizioni 2013).
Nel campo della divulgazione scientifica collabora con il Museo dell’Energia e durante il TED di Bologna del 2011 ha stabilito il nuovo record mondiale nella trasmissione di corrente elettrica senza fili direttamente in forma di corrente alternata (senza l’impiego del sistema wi-tricity) applicando esclusivamente la tecnologia Tesla di fine ’800.
Collabora con il programma “Mistero” di Italia Uno.

PREMIO SPECIALE DIVULGAZIONE DEL MISTERO
28) Fausto PUDDU (Ceprano FR), perché, come presidente e coordinatore dell’associazione “Templari di S. Paterniano”, si è costantemente prodigato nella ricerca filologica dei costumi, armi e ambientazioni delle rievocazioni storiche del mondo dei Cavalieri Templari.

29) Marisa UBERTI (Bergamo) Ricercatrice e scrittrice, per l’ormai oltre decennale opera di ricerca e divulgazione nel campo dei Misteri che porta vanti grazie al suo sito “Due Passi nel Mistero”, fondato nel 2002.

Luigi COZZI (nato a Busto Arsizio ma vive a Roma), editore, regista, sceneggiatore e scrittore italiano, particolarmente attivo nel campo del cinema di fantascienza e horror; per l’opera di divulgazione nel campo dei Misteri portata avanti dalla sua casa editrice “Profondo Rosso”.

30) Francesca VAJRO, per la rivista “Il Giornale dei Misteri” di cui è direttore. Il Giornale dei Misteri fondato nel 1971, è la prima rivista italiana di parapsicologia, scienza e natura, simbolismo, esoterismo, ufologia, cultura insolita e attualità.

31) Adriano FORGIONE (Napoli) per rivista “FENIX” di cui è fondatore e
direttore. FENIX è attualmente l’unica rivista mensile interamente dedicata ai temi dell’archeologia di frontiera sul mercato editoriale italiano.

32) Lavinia PALLOTTA (Milano),direttore editoriale di XTIMES, collaboratrice di Mistero (Italia1).

33) Pino MORELLI (Pescara), direttore responsabile di X-TIMES.

PREMIO SPECIALE DIVULGAZIONE DEL MISTERO – ASSOCIAZIONISMO

34) ARCHEOCLUB di ALATRI (FR), Presidente Giancarlo ROSSI.

CRIPTOZOOLOGIA

35) Lorenzo ROSSI (Cesena);
Per il suo impegno nelle ricerche e nella divulgazione nel campo della criptozoologia e per la creazione e gestione di www.critpozoo.com; primo sito italiano sulla criptozoologia.

MASS MEDIA TELEVISIVI

36) Sabrina PIERAGOSTINI, dal 2007 è conduttrice di Studio Aperto, di cui è anche caporedattore. Appassionata da sempre di alieni e mistero, nel 2011 ha condotto la rubrica Extremamente all’interno di Tabloid, programma estivo di Italia1.
Da questa rubrica è nato un blog, curato dalla stessa Sabrina, visitabile al sito www.extremamente.it.

EARTH LIGHT
37) Nicola TOSI (Modena) del Centro Ricerche Appennino Modenese, per aver ideato il “Project UAP-Italia”, finalizzato allo studio e la ricerca su una particolare fenomenologia aerea e luminosa che si sta manifestando in varie zone del mondo, denominata UAP (Unidentified Aerial Phenomena).

OPERE D’ARTE – INSTALLAZIONI ARTISTICHE
38) Diego DEIANA (St. Cristina Val Gardena BZ) per la sua attività artistica afferente la realizzazione mediante diverse tecniche, materiali, ambientazioni di opere d’arte riproducenti il simbolo del Labirinto. Impegno artistico e artigiano ancora poco diffuso in Italia, contrariamente al resto d’Europa, ma che contribuisce sensibilmente alla diffusione della conoscenza e della fruizione del simbolo del Labirinto.

ATLANTIDE

41) Marco BULLONI (Milano) per il libro “Il Labirinto Sacro”, edito nel 2013 e dedicato al proseguo delle sue innovative ricerche sul Mito dell’Atlantide.
Un’isola che sorge dalle acque, Sole e Luna che ruotano sopra l’orizzonte, pianeti che si uniscono in cielo, popoli che adorano i fenomeni celesti, monoliti allineati verso l’orizzonte, miti della creazione, Iside e Osiride, amuleti sacri per l’aldilà, labirinti magici. La ricerca di Marco Bulloni sul piu’ grande mistero dell’archeologia moderna continua. Questo libro, suddiviso in più volumi, spiega le origini di un culto risalente a piu’ di 5.000 anni fa.

PREMIO MENZIONE SPECIALE

42) Libro “C’ERA UNA VOLTA” di Alessandro MORICCIONI, Andrea MUSIO, Michele ROSSI FLENGHI e Andrea SOMMA (Eremon edizioni 2014); dedicato ai Riti, Miti e Vicende storiche che hanno ispirato le Fiabe e le Favole di tutto il Mondo.

PALEOASTRONAUTICA
43) Mauro BIGLINO (Milano) per la sua attività professionale di ricerca e divulgazione nel campo del Mistero e, in particolare, per il libro “La Bibbia non è un libro sacro” (Uno editori).

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *