Crimini invisibili, imprenditori vittime di usura e racket: dieci casi in carico allo sportello Sos Giustizia

10/12/2014 – Sono una trentina i contatti stabiliti da cittadini e imprenditori con lo “Sportello Legalità” della Camera di Commercio di Reggio Emilia nel corso di un anno e mezzo di attività di questo nuovo strumento voluto dall’ex presidente camerale Enrico Bini, a sostegno delle vittime del crimine organizzato, in particolare di racket e usura.
Un terzo di questi casi è stato assunto in carico (in modo riservatissimo, ovviamente, così sono anonime le telefonate di primo contatto) dal punto di ascolto “SOS Giustizia” gestito in collaborazione con Libera: in un caso ha assicurato alla vittima un aiuto economico indispensabile per intraprendere un percorso di riscatto, in un altro ha portato una imprenditrice reggiana al coraggio della denuncia alle forze dell’ordine, sempre per questioni di usura.
I dati sono stati forniti da Carla Menozzi, responsabile dello “Sportello Legalità” della Camera di Commercio, nel corso del convegno dell’Ente camerale su quei “crimini invisibili” che, complice anche la crisi economica senza fine, purtroppo si moltiplicano anche nel nostro territorio.
“Dobbiamo tenere molto alta l’attenzione – ha affermato al proposito il presidente della Camera di Commercio, Stefano Landi – perché la pervasività del fenomeno è tale per cui occorre continuare a mobilitare le coscienze, a promuove una più forte cultura della legalità e a far conoscere i modi in cui la criminalità organizzata si insinua nella vita di persone e imprese che la crisi ha reso più fragili ed esposte a fenomeni come l’usura, l’estorsione, la minaccia”.
“Allo stesso modo – ha aggiunto Landi – siamo impegnati a far conoscere di più e meglio come ci si può difendere e quali strumenti si sono via via affiancati al lavoro delle forze dell’ordine per contrastare il crimine e affrontare quelle situazioni drammatiche che riguardano le imprese e, prima ancora, toccano gli imprenditori, la loro vita personale e
familiare, generando situazioni angoscianti che troppo spesso si consumano nella solitudine”.
Tutto questo legato, come si è detto, a “crimini invisibili”, anche a crimini che si fanno più silenziosi, come ha ricordato
il vicepresidente di Libera e coordinatore di “SOS Giustizia”, don Marcello Cozzi.
Tra questi spicca l’usura, uno dei più grandi business in consolidamento da parte dei tutte le organizzazioni criminali (se ne occupano 60 clan mafiosi), con un fatturato stimato in 20 miliardi di euro, ma soprattutto il vecchio “pizzo”, oggi non più pagato in contanti, ma con l’obbligo di assunzioni di affiliati a qualche clan e l’imposizione di fornitori di beni e servizi alle imprese.
Servono allora modifiche legislative urgenti – ha aggiunto don Cozzi – perché non è pensabile che il reato di usura cada in prescrizione dopo 7 anni e sei mesi quando per avviare un processo su questo reato occorrono dagli 8 ai 10 anni.
Ma serve, soprattutto (e su questo anche gli interventi del vice Prefetto vicario reggente di Reggio Emilia, Adriana Cogode, dell’Assessora Natalia Maramotti, del giornalista Rai Luca Ponzi, dell’avv. Celestina Tinelli, responsabile della formazione e scuola Camera penale di Reggio Emilia, del vicesegretario generale della Camera di Commercio, Francesco Tumbiolo, e di Alessandro Gentilini di Banca Etica), un
approccio culturale diverso che consenta di creare un clima di contrasto costante rispetto all’illegalità, di individuare le indifferenze e le involontarie complicità, per stroncare via via un fenomeno che in Italia fattura 220 miliardi all’anno (20 solo in Emilia-Romagna).
E proprio partendo da qui è risultata particolarmente
significativa la presenza al convegno di due classi quinte dell’Istituto Tecnico “Scaruffi”: giovani la cui futura professione li potrà portare, più di altri, a toccare con mano come il crimine organizzato si insinua all’interno delle imprese, cambiando volto e forma, ma rimanendo, troppo spesso, invisibile.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *