Bonaccini-choc: l’Emilia non abolisce le province, al massimo le accorpa (Reggio con Modena)

29/12/2014 – L’Emilia Romagna non abolirà le Province, nemmeno quando saranno abolite dalla riforma costituzionale (se mai si farà). Al massimo saranno ridotte dall’attuali nove a quattro. È la sostanza dell’annuncio dato  dal nuovo governatore Stefano Bonaccini, intervenuto domenica alla commemorazione dell’eccidio dei fratelli Cervi. Bonaccini ha detto chiaro che l’Emilia-Romagna dovrà bruciare sul tempo le altre regioni, anticipare la cancellazione delle Province dalla Costituzione e arrivare così entro il 2017 a riorganizzare il nostro territorio per “aree vaste”. In sostanza un modo per assicurare un’esistenza alla Province anche quando non ci saranno più. Reggio Emilia accorpata a Modena, Parma con Piacenza, Ferrara con Bologna e le province romagnole unite in un’unica “area vasta”, la cui esistenza del resto fa riferimento alla legge varata il 7 aprile, mentre il concetto si fa strada non solo nell’organizzazione della sanità, ma anche negli accorpamenti che investono le organizzazioni sociali e professionali: Legacoop, Confartigianato etc. 
“Sono uno che pensa he dovremmo arrivare alle aree vaste prima dello scadere dei due anni – ha detto Bonaccini a Gattatico – termine entro il quale le Provinve verranno cancellate in Costituzione se l’attuale riforma andrà avanti”. Certo, resta da vedere cosa faranno le aree vaste una volta abolite le Province, visto che non ne potranno ricevere le competenze. Rischiano di restare scatole vuote solo per alimentare il fabbisogno costante di poltrone da parte della politica. 
Poi il governatore ha aggiunto: “Condivido l’idea di una riforma del governo che dice che in questo paese, come in molti altri Paesi europei, si passi da quattro a tre livelli di governo: avremo solo Stato, Regioni e Comuni. anche questo significa sburocratizzare, semplificare e riordinare”. Resta da spiegare come si concilieranno le aree vaste con tutto questo. 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *