Appalti e legalità: proposte per tenere alla larga tangentari e mafiosi. Convegno (in ritardo) alle Fiere di Reggio

10/12/2014 – “Appalti a Reggio Emilia: tra legalità e burocrazia – Proposte”: è il titolo di un convegno quanto mai attuale in programma nella Sala del quartiere fieristico di via Filangieri nella giornata di venerdì 12 dicembre (anniversario della strage di piazza Fontana e giorno dello sciopero generale Cgil-Uil) su iniziativa dell’Alleanza Reggiana contro tutte le mafie.
Convegno attuale , ma anche in ritardo visto il proliferare degli appalti al massimo ribassi e il manifestarsi di casi eclatanti come l’appalto Global Service della Provincia, o più di recente la costruzione della scuola media di Montecchio affidata a una ditta senza certificazione antimafia.
Il convegno, a Reggio Fiere a partire dalle 14, ha appunto come obiettivo quello di “delineare le criticità emerse sino ad oggi nel settore degli appalti a Reggio Emilia, e proporre una serie di valutazioni e di indicazioni su come deve essere un appalto cosiddetto “genuino”, offrendo agli addetti ai lavori e agli imprenditori i supporti che possono consentire di affrontare e gestire gli appalti, sia privati
sia pubblici, prevenendo e contrastando il fenomeno criminoso”. Sull’utilità del convegno qualcuno manifesta riserve, sostenendo che basterebbe osservare poche regole già esistenti per fare argine a tangentari e mafiosi negli appalti. Ma si dovrà giudicare nel merito delle proposte.

L’iniziativa quindi appare rivolta in particolare alle istituzioni, alle categorie sociali ed economiche, ai sindacati, agli ordini professionali e alle associazioni aderenti all’Alleanza, ma anche ai cittadini tutti: speriamo che una volta si parli del famoso Global Service e della costellazione di gare, aste e appalti con un unico concorrente.

Alleanza reggiana per una società senza mafie nasce nel novembre del 2011 per promuovere azioni sia di sensibilizzazione mirata contro le mafie, sia di contrasto alla criminalità organizzata.
Contribuisce ad un monitoraggio periodico dell’efficacia delle azioni realizzate dagli aderenti all’Alleanza e partecipa a tavole rotonde al fine di coordinare le iniziative e confrontarsi sulle tematiche che emergono nel territorio.
Fanno parte dell’Alleanza reggiana, tra gli altri, il Comune e la Provincia di Reggio Emilia, la Camera di commercio, le associazioni di categoria, gli ordini professionali, sindacati, cooperative, associazioni e onlus presenti sul territorio.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. judith Rispondi

    10/12/2014 alle 14:24

    Magari ad anche di En.Cor e della gara appalti per il parcheggio interrato in piazza della Vittoria. Oppure continuiamo a fingere di non capire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *