Bonaccini governatore e regime Pd tra le macerie del sistema

24/11/2014 – Ecco la composizione della nuova Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna (dal sito Eligendo del ministero degli Interni).

Pd 29 seggi, Sel 2 (la maggioranza in consiglio è perciò di 31 consiglieri su 50), un seggio a Alan Fabbri come candidato governatore arrivato secondo, Lega Nord 8 seggi, 2 a
Forza Italia, Fratelli d’Italia 1 seggio, Movimento 5 Stelle 5 seggi, L’altra Emilia Romagna 1 seggio, un seggio per il
governatore Bonaccini.
Il Pd, con 29 seggi, ha comunque la maggioranza assoluta da solo.

In base al meccanismo della legge elettorale, il seggio di Alan Fabbri è stato sottratto a Forza Italia, che altrimenti avrebbe portato in consiglio tre consiglieri. La sottrazione è avvenuta per la miseria di 34 voti, nel calcolo dei resti, altrimenti il seggio sarebbe stato tolto alla Lega Nord.

***

24/11/2014 – Stefano Bonaccini è il nuovo governatore dell’ Emilia Romagna. È stato eletto con 613.241 voti,  pari al 49,03%, in una tornata che ha registrato un crollo storico dei votanti: solo il 37% degli aventi diritto si è recato alle urne. Basti pensare che nelle regionali del 2010 Vasco Errani raggiunse il 52% con 1 milione 197 mila voti: il doppio di quelli ottenuti da Bonaccini. A conti fatti l’Emilia Romagna sarà governata da una minoranza votata da solo il 18% del corpo elettorale. I dati si riferiscono a 4 mila 498 seggi elettorali su 4 mila 512.

Nella coalizione di Bonaccini, a livello regionale, il PD ha ottenuto 528 mila 281 voti pari al 44,47% (nel 2010 857 mila voti e il 40, 65%), SEL il 3,24%, Emilia Romagna Civica l’1,49% e Centro Democratico lo 0,43.

Il candidato Alan Fabbri ha ottenuto il 29, 87% con l’exploit della Lega Nord al 19,43%, che diventa il secondo partito della Regione, Forza Italia è ferma all’8,37% (un brutto tonfo rispetto al 24% del Pdl nel 2010 e al 16% delle ultime politiche) e Fratelli d’Italia all’1,9%.

Giulia Gibertoni, candidata dei 5Stelle, ottiene il 13,26% contro il 24% della lista M5S alle politiche 2013. Quintavalla (L’Altra Emilia Romagna) 3,72% e Alessandro Rondoni (Ncd e Udc) 2,45%.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. Soluzione Rispondi

    24/11/2014 alle 11:36

    pessima figura della Cardelli nonostante l’appoggio di Marmiroli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *