Torna il sole per il manager reggiano Ivan Strozzi
Nominato direttore generale dell’Amiu di Genova

15/11/2014 – Da ieri il manager reggiano Ivan Strozzi (ex-Enia, ex-Acam di Spezia e, per una sola settimana, amministratore unico di Ama di Roma) è il nuovo direttore generale di Amiu, l’azienda rifiuti di Roma. Lo ha nominato a tambur battente il cda della municipalizzata in sostituzione di Pietro D’Alema, che sarà collocato in una società di Iren.
La nomina di Strozzi era maturata nei giorni scorsi, dopo una telefonata del Presidente di Amiu Marco Castagna e un incontro col sindaco della Superba Marco Doria. Prenderà servizio lunedì 24, e in questi giorni formalizzerà con Castagna i dettagli contrattuali.

Il sindaco di Roma Marino gli aveva chiesto un passo indietro da Ama perchè il manager non gli aveva riferito del suo coinvolgimento nell’inchiesta sulla Nebrodi ambiente, consociata messinese di Enia (partecipazione ereditata da Agac). Tuttavia Strozzi, che di conseguenza non ha accettato la nomina nell’azienda romana, era convinto che la sua posizione fosse stata àrchiviata a Messina, anche perchè era stato lui in qualità di a.d. di Enia a vendere la partecipazione nella Nebrodi, nel contesto di una robusta opera di ripulitura del portafoglio della società reggiana-parmigiana, poi confluita in Iren insieme a Iride di Torino e Amga di Genova.
Del resto Marino mesi dopo si è accorto dell’errore commesso, tanto da convocare Strozzi a Roma e consegnarli la Medaglia del Bimillenario di Augusto, il giorno dopo avere insignito i Rolling Stones durante il concerto del Circo Massimo.

“Non mi pare che non ci fossero le condizioni per non tener conto per Amiu di una figura come Strozzi – ha dichiarato il Presidente Castagna al Secolo XIX di Genova – e lo dimostra il fatto che anche Marino gli ha chiesto scusa per quella vicenda. Nominare una persona con la sua esperienza, e particolarmente competente nel settore finanziario, ci è sembrata una scelta naturale nel momento in cui dobbiamo ridisegnarene riorganizzare l’azienda per attuare il nuovo piano industriale”.

Per Strozzi una bella soddisfazione, e anche la conferma che la stima nei suoi confronti è rimasta intatta dopo l’incidente di Roma. Certo, ha di fromte un compito difficilissimo, nel pieno del dramma delle alluvioni che colpiscono Genova a ripetizione e della tempesta giudiziaria che ha investito Amiu, con l’inchiesta su un presunto giro di soldi e di escort che ha portato in carcere il dirigente Corrado Grondona, proprio ieri sospeso dall’incarico e dallo stipendio.

Be Sociable, Share!

7 risposte a Torna il sole per il manager reggiano Ivan Strozzi
Nominato direttore generale dell’Amiu di Genova

  1. carlo Rispondi

    16/11/2014 alle 11:43

    Sono soddisfatto anch’io e mi complimento con Ivan Strozzi, che stimo.

  2. roberto baronio Rispondi

    16/11/2014 alle 12:25

    finalmente il giusto riconoscimento ad un serio professionista ed eccezionale persona, pur conoscendo la situazione di Genova che non brilla per lungimiranza nel settore rifiuti …. AUGURI IVAN

  3. Franco e Anna Canovi Rispondi

    16/11/2014 alle 14:05

    Un giusto riconoscimento a una persona capace e competente.

  4. Mario Paolo Guidetti Rispondi

    17/11/2014 alle 09:58

    Onore al merito

  5. Strozzi ivan Rispondi

    17/11/2014 alle 14:06

    Ringrazio tutti per le espressioni gentili. Desidero sottolineare ( poi la chiudiamo altrimenti l’amarezza e la arrabbiatura continuano ) che il Sindaco Marino non mi ha dimesso . Sono stato io, dopo la nomina a Presidente e amm.del. della società’ a NON accettare la carica . Guardiamo avanti ora con Genova che si trova come Città’ ( vedi alluvioni ) e come societa’ di igiene ambientale in una situazione molto complicata , non solo per la grande carenza di impianti, ma anche per la presenza di una inchiesta giudiziaria sgradevole e ingarbugliata . Di nuovo grazie

  6. carmine Rispondi

    17/11/2014 alle 16:30

    non conosco il sig Ivan Strozzi nè tantomeno la sua idea sul futuro dell’azienda, e non mi permetto di dare giudizi. dico solo che Amiu
    è una delle poche aziende pubbliche che nonostante tutto garantisce un servizio dignitoso alla città di genova a costi contenuti, penso che qualsiasi tipo di ristrutturazione si voglia fare non può transigere dal mantenimento degli attuali livelli occupazionali e di una sua gestione pubblica.

  7. laura Rispondi

    17/11/2014 alle 23:46

    sig. Ivan Strozzi, mi fa piacere che lei voglia ascoltarci tramite mail, mi auguro che la sua buona volontà di rimettere le cose a posto in Amiu, sia reale, ricordi che in un azienda pubblica non servono tanti dirigenti che portano solo vergogna al comune e all’azienda, i premi produzioni su il risparmio fatto alle spalle del cittadino e dell’operaio non servono,oltretutto risparmi inutili e fasulli,mi auguro che lei riesca a mantenere e a migliorare i servizi al cittadino, che in primis paga per averli, e per far questo non sfrutti più di quello che fino ad ora è stato fatto verso gli operai ma i capi capetti e figure che non producono ma anzi…. lascio a lei il resto del pensiero, le aguro un buon lavoro e speriamo bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *