Scioperi Cobas, in pericolo cento posti di lavoro alla Mazzoni & Bizzaglia di Gattatico. Allarme Cisl

5/11/2014 – Si complica la situazione alla Mazzoni & Bizzaglia, impresa di trasporti e facchinaggio di Gattatico. Dopo il ritiro di 21 licenziamenti (dopo un intervento del viceprefetto reggente di Reggio Emilia Adriana Cogode), ora la Fit Cisl teme che a causa delle tensioni interne, esplose con le agitazioni dei Cobas, la Mazzoni & Bizzaglia perda il contratto con la Procter & Gamble e di conseguenza perdano il posto un centinaio di lavoratori.

“Auspichiamo sia l’intervento della Procter & Gamble a favore degli operai, sia una risoluzione positiva del problema al fine di mantenere i posti di lavoro”, ha dichiarato Massimo Pastena della Fit (Federazione italiana trasporti) Cisl Reggio Emilia.

“Già ad agosto, dopo lo sciopero dei Cobas – ha spiegato Pastena –, la Procter & Gamble aveva minacciato la perdita dell’appalto del lavoro da parte della ditta Mazzoni e Bizzaglia di Gattatico, che conta numerosi iscritti Cisl”.

“Il 4 novembre – prosegue – i Cobas hanno scioperato selvaggiamente impedendo agli operai di poter accedere al luogo di lavoro e ai mezzi di poter transitare e raggiungere l’azienda. Il risultato è stato il blocco dello stabilimento, con danni incalcolabili”. Ora l’azienda di Gattatico rischia di perdere il proprio appalto e conseguentemente sarebbero a rischio quasi un centinaio di posti di lavoro.

“La ditta – spiega Pastena – applica perfettamente sia il contratto nazionale logistica e facchinaggio di Cgil, Cisl e Uil, sia un accordo di secondo livello siglato da Filt Cgil e Fit Cisl su un incremento di 54 euro mensili inerenti l’accordo regionale di categoria.

Sono inoltre previsti per tutti i lavoratori i buoni pasto di 5,29 euro giornalieri ed entro fine novembre si sarebbe dovuto discutere di aumento di livello. Ora su tutto prevale la paura di perdere il posto di lavoro”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *