Si spaccia per ristoratore ligure e raggira salumificio di Bibbiano: denunciato il re modenese delle truffe

9/11/2014 – Ennesima truffa ai danni di un’azienda dell’ agroalimentare reggiano. A cadere nella rete di un noto specialistain questo genere di raggiri, vero e proprio terrore dei caseifici, è stato un salumificio di Bibbiano. Dpp una serie di telefonate – esca, ha ordinato una bella partita di salumi per un migliaio di euro e ha pagato con un assegno poi risultato rubato e di conseguenza non esigibile,
Secondo i Carabinieri, che indagano cercando i collegamenti fra tante truffe similari, il colpo potrebbe essere la punta emergente di una più ampio giro di truffe compiute in altre salumifici tra Reggio Emilia, Modena e Parma. Nel frattempo i militari di Bibbiano hanno denunciato alla Procura di REggio Emilia, con l’accusa di truffa, un 48enne di Modena che è riuscito a raggirare l’azienda bibbianese impossessandosi di vari salumi per un valore di 883 euro.
l’uomo, per telefono, si era spacciato per un ristoratore del savonese e, del suo inesistente ristorante, veva intavolato un trattativa per l’acquisto di salumi. Concluso si è presentato al salumificio, ha caricato la merce in macchina e ha saldato la fattura con un assegno bancario. Ma quando il commerciante è andato in banca, si è scoperto che l’effetto risultava iappartenere a un blocchetto di assegni rubato a Savona nel settembre del 2012. Resosi conto di essere stato raggirato il commerciante  si è presentato ai Carabinieri di Bibbiano per sporgere denunciadenunciando la truffa ad opera di ignoti. Forti della meticolosa descrizione fornita dalla vittima, i Militari sono risaliti all’identità del truffatore incallito, poi riconosciuto dal commerciante attraverso l’esame delle foto segnaletiche. Da qui il deferimento alla Procura per truffa e ricettazione dell’assegno rubato.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *