Prevenire i disastri, l’architetto Galli chiede di impiegare i detenuti

14/11/2014 – Utilizzare i detenuti della Pulce per la pulizia dei corsi d’acqua. Lo chiede archietto Daniele Galli, consigliere comunale a Castelnovo Sotto e candidato di Forza Italia alle elezioni regionali del 23 novembre
“In un momento in cui il territorio reggiano sembra un colabrodo, è necessario agire celermente con l’emissione di alcune semplice ordinanze da parte dei Sindaci del nostro territorio – afferma l’architetto – Ad esempio, gli scarichi delle acque piovane ,che per anni abbiamo dovuto convogliare con due reti diverse , acque nere e acque bianche ,in attesa che i Comuni facessero le reti solo delle acque bianche e che poi non hanno mai fatto, devono rimanere a casa propria, nel proprio giardino o cortile. Con una semplice ordinanza si possono obbligare a togliere i pluviali delle grondaie ,dai pozzetti/pluviale, e con l’innesto di una semplice curva convogliare l’acqua nei giardini o cortili. Questo contribuirebbe a non aumentare il carico della fognatura tombata e a non ingrossare fossi e canali”.
Aggiunge Galli: “Per la pulizia programmata nei mesi estivi di fossi, torrenti ,canali che attualmente non viene fatta molto bene ,se sono questi i risultati (si veda il Crostolo che è sempre pieno di alberi , salici, arbusti di
ogni tipo) si potrebbero impiegare , visto la scarsità di fondi coloro che attualmente sono detenuti nel carcere della Pulce e che hanno commesso reati minori , naturalmente dopo un adeguato addestramento e sorvegliati mediante braccialetto elettronico e da forze armate”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *