Passa la piena, ore di angoscia

17/11/2014 – È altissima la tensione sulle sponde del Po, in attesa dell’ondata di piena questa notte a Boretto, a un livello che potrebbe raggiungere gli 8,50 metri sopra lo zero idrometrico.

Non si dorme questa notte nei comuni rivieraschi, mentre sono centinaia e centinaia i volontari che presidiano il fiume. Sono 1.122 le persone che hanno dovuto lasciare le abitazioni lungo tutta l’asta del Po, di queste 294 nel tratto reggano. Tutti i 236 abutanti di Ghiarole di Brescello sono stati trasferiti.

Questa sera la Prefettura ha fatto il punto sulle decisioni assunte dai centri operativi.

foto aerea

Chiusura del Ponte BORETTO – VIADANA (MN) che collega le due province, il cui transito già nella notte del 15 novembre u.s. era stato vietato ai mezzi pesanti. Da questa sera, a partire dalle ore 18.00, con provvedimento della Provincia di Reggio Emilia, la chiusura del ponte è stata estesa a tutti i mezzi di circolazione. Con la chiusura del ponte e della strada arginale, i collegamenti tra il Reggiano e il Mantovano saranno comunque garantiti attraverso il ponte di Guastalla – Dosolo sulla S.P. 35, quelli tra il Reggiano ed il Parmense attraverso il ponte sull’Enza a Sorbolo.

LE STRADE CHIUSE

La Provincia ha disposto la completa chiusura al traffico per tutti i mezzi: a) della Strada Provinciale n. 62 R nel tratto compreso dall’intersezione con la S.P. n. 35 “ponte PO” all’intersezione con la S.P. n. 2 (località Tagliata),  b) della Strada Provinciale n. 2 nel tratto compreso dall’intersezione con la sopraccitata S.P. n. 62 R (località Tagliata) all’intersezione con la S.P. n. 62 R Var.

piena

QUASI 300 SFOLLATI NEL REGGIANO

Evacuazione nei Comuni di Brescello e di Boretto delle aree di presunto interessamento della piena a partire da questa sera. In particolare il sindaco di Brescello ha disposto con ordinanza l’evacuazione di 82 famiglie per un totale di 235 persone residenti a Ghiarole ed è stata pianificata la relativa sistemazione in albergo o in altre abitazioni.

Il Sindaco di Boretto ha a sua volta disposto l’evacuazione di persone interessate a 14 attività di natura produttiva, commerciale e turistica presenti in area Lido PO e provvederà ad interdire anche, in relazione all’aumento di quota del fiume, l’area dove sono ubicati gli impianti di una grossa attività produttiva. Permangono le ordinanze di evacuazione già adottate dai sindaci di Luzzara, Gualtieri, Guastalla e Boretto (59 persone) per un totale complessivo alla data odierna di  294 residenti.

piena due

DOMANI SCUOLE CHIUSE. MERCATI, FIERE E PARTITE SOSPESE

In via cautelare, secondo quanto concordato in unità di crisi, nelle giornate di domani e dopodomani tutti gli istituti scolastici di ogni ordine e grado  resteranno chiusi. I comuni hanno adottato le relative ordinanze sindacali. Sono state altresì sospese fiere, mercati, attività sportive o altre iniziative simili.

Prosegue il monitoraggio degli argini secondo le indicazioni tecniche dell’AIPO e della Provincia con il concorso delle organizzazioni di volontariato ed un impiego di circa 200 unità. Si tratta di personale addestrato a questo tipo di emergenza, coordinato dalla Provincia di Reggio Emilia.

Il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco fornisce servizi aggiuntivi ai Comuni rivieraschi con incremento del personale operativo dedicato ad attività di monitoraggio e messa in sicurezza di elementi di vulnerabili e a maggior rischio, in prontezza operativa, versione alluvione e assetto specialistico “fluviale” e “soccorso acquatico”. Su specifica indicazione della Prefettura, dalla data odierna  in maniera continuativa per tutta la fase di allerta il Comando è presente con proprio personale tecnico presso i Centri Operativi Comunali, a supporto delle attività comunali.

In Comune di Luzzara dal giorno 13, senza soluzione di continuità, è stato assicurato il necessario supporto tecnico-operativo al Sindaco per le valutazioni e le operazioni di apertura dell’argine verso l’area golenale finalizzata a scongiurare sovrappressioni idrauliche e danni strutturali all’argine maestro.

Il personale dei Vigili del fuoco nel contempo ha provveduto alla messa in sicurezza di serbatoi, fissi e mobili, contenenti gas di petrolio liquefatto (gpl), installati nelle stesse aree golenali.

MISURE ANTI SCIACALLAGGIO

Per quanto concerne  il tema del controllo del territorio e delle misure di vigilanza e di sicurezza nei confronti della popolazione anche in  chiave preventiva per i cosiddetti reati predatori sul patrimonio, si è tenuta questa mattina una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica allargato ai Sindaci rivieraschi in merito al controllo del territorio ed alle misure di vigilanza e sicurezza nei confronti della popolazione anche con riferimento alla tutela delle zone evacuate.

Si è deciso di  intensificare i relativi servizi di vigilanza e controllo con il coinvolgimento coordinato, insieme all’Arma dei Carabinieri, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, di tutte le Forze di Polizia, compresa la Polizia Stradale, Municipale e provinciale per gli assi viari interessati da provvedimenti di chiusura.

Si effettueranno servizi dedicati all’antisciacallaggio secondo apposita ordinanza emanata in data odierna dal Questore di Reggio Emilia, con particolare attenzione alle zone oggetto di evacuazione.

Sono previste, in aggiunta alle risorse dell’Arma dei Carabinieri, presente capillarmente sul territorio, pattuglie del reparto di Polizia di Prevenzione Crimine per un totale di 12 unità, due pattuglie del Corpo forestale per un totale di 7/8 unità ed una pattuglia della Guardia di Finanza composta da 3/4 unità. Nella giornata di domani si ripeterà il dispositivo rafforzato di ulteriori equipaggi.

***

17/11/2014 – Questa mattina a Luzzara è stato tagliato l’argine Lorenini-Fiamminghi per permettere il deflusso delle acque in una golena chiusa. In serata si è conclusa l’evacuazione dei 236 abitanti di Ghiarole di Brescello, decisa ieri pomeriggio nel corso del summit,presenti i sindaci, la Protezione civile,l’Aipo, la Bonifica insieme al viceprefetto reggente Adriana Cogode.

Lo sgombero sarà completato entro stasera: le persone, se non hanno alternative proprie, saranno ospitate negli alberghi di Brescello e delle località limitrofe.

Alle 18 sarà chiuso il ponte stradale sul Po tra Boretto e Viadana, mene il piazzale intitolato ai Ragazzi del Po dovrà essere sgombrato dal luna park viaggiante (montato in vista della fiera di Santa Caterina) non appena la piena avrà raggiunto l’argine maestro a Guastalla.

Intanto la protezione civile ha messo in preallarme 2 mila 500 volontari di tutta la provincia, e ha preparato diecimila sacchetti di sabbia, già piazzati nei punti di raccolta predisposti dai cinque Comuni rivieraschi.

IL BOLLETTINO AIPO DELLE 13 DI LUNEDÌ 17

L’Aipo conferma il livello di criticità 3 (elevata)

Il colmo ha transitato a Ponte Becca intorno a mezzanotte con 5,23 m sullo zero idrometrico, oltrepasserà Piacenza entro il pomeriggio di oggi con valori stimati attorno ai 7,55 m s.z.i. e Cremona nella serata di oggi con valori nell’intorno di 4,50 m, leggermente inferiori a quanto in precedenza previsto.

Oltre alle golene aperte, tuttora in larga parte allagate, anche le golene chiuse secondarie possono essere interessate dalla piena, mentre per quelle principali il franco risulterà notevolmente ridotto; alcune di esse sono state interessate (come a San Rocco al Porto e a Luzzara) e altre lo potranno essere.

Mentre si sviluppa questo nuovo incremento, permane un livello di criticità elevata (livello 3) nel tratto tra Casalmaggiore e il mare Adriatico, sia per i livelli attuali che per quelli previsti.

Il servizio di piena centrale e le strutture territoriali di Aipo sono impegnati nelle attività di previsione e monitoraggio e proseguono la vigilanza e il controllo delle arginature e delle opere idrauliche, con la collaborazione degli enti locali e dei volontari di protezione civile.

Tutte le operazioni in corso sul territorio sono svolte in stretto coordinamento tra tutti gli Enti facenti parte dei sistemi di protezione civile regionali e locali.

Si richiama la necessità di assoluta prudenza nei pressi delle aree prospicienti il fiume e in generale in relazione a strutture o attività che possono essere interessate dalla piena. Si invita ad attenersi scrupolosamente alle prescrizioni delle Autorità locali, di protezione civile e delle forze dell’ordine, a non ostacolare le eventuali operazioni, a restare informati sull’evolversi della situazione e sulla viabilità.

Per consultare la tabella con la scala delle criticità lungo l’asta principale del Po, cliccare al link: http://www.agenziainterregionalepo.it/pubblicazioni-e-documentazione/doc_download/1737-scala-della-criticita-delle-sezioni-di-riferimento-lungo-lasta-del-po.html”

DECISA LA CHIUSURA DEL PONTE BORETTO-VIADANA

Da questa sera alle 18 il ponte tra Boretto e Viadana e la strada arginale (Sp 62R e Sp 2) da Brescello a Luzzara verranno chiusi al traffico a tutti i mezzi. Lo hanno deciso questa mattina il presidente della Provincia di Reggio Emilia, i sindaci dei Comuni di Boretto, Brescello, Gualtieri, Guastalla e Luzzara e la Protezione civile provinciale, valutando che verso quell’ora la piena del Po si avvicini, all’idrometro di Boretto, al livello di 8 metri.

Con la chiusura del ponte (da questa mattina già interdetto ai mezzi pesanti) e della strada arginale, i collegamenti tra il Reggiano e il Mantovano saranno comunque garantiti attraverso il ponte di Guastalla-Dosolo sulla Sp 35, quelli tra il Reggiano e il Parmense attraverso il ponte sull’Enza a Sorbolo. La Provincia “ricorda che il ponte Guastalla-Dosolo è raggiungibile dalla Variante Cispadana (uscita di San Giacomo) percorrendo via Sacco e Vanzetti: la stessa Cispadana garantirà anche i collegamenti tra tutti i cinque comuni rivieraschi”.

Per info in tempo reale sulla piena del Po e sulla viabilità e consultare il profilo Twitter @ProvinciadiRE e la pagina Facebook (Provincia diRE) della Provincia di Reggio Emilia.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *