Ladri in fuga cercano di investire due artigiani. Inseguiti e arrestati dai Carabinieri

26/11/2014 – Sono fuggiti dopo il furto di materiale edile tentando di investire i derubati: intercettati da una pattuglia dei Carabinieri di Rubiera sono stati però bloccati e tratti in arresto.
Una delle due vittime per evitare di finire sotto le ruote della macchina dei ladri si è gettata a terra riportando lievi contusioni. Con l’accusa di rapina impropria i Carabinieri della Stazione di Rubiera hanno arrestato un 39enne di Sassuolo e un 52enne palermitano abitante a Fiorano Modenese, ristretti al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.
Nella tarda mattinata di ieri la Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Emilia, verso le 11, ha diramato un ordine di ricerca di una Fiat Punto bordeaux con a bordo due persone che avevano rubato attrezzature edili da un furgone di artigiani parcheggiato in via Melato di Reggio Emilia.
In particolare i ladri vistisi scoperti dai derubati
sbagliavano direzione di marcia arrivando
alla fine di Via Melato (strada chiusa) per poi tornare indietro e cercare di investire i due artigiani che, accortisi del furto, erano scesi in strada, cercando di opporsi alla loro fuga. Durante le ricerche i Carabinieri di Rubiera intercettavano l’auto in fuga che veniva raggiunta e bloccata dopo un breve inseguimento.
Nel baule posteriore i militari rinvenivano varia attrezzattura (trapani, flessibili  e attrezzi edili) ricondotta in parte al furto consumato poco prima a Reggio Emilia ed in parte a un furto consumato in precedenza a
Marzaglia di Modena. I due ladri identificati, alla luce della flagranza del reato di rapina impropria, veniva tratti in arresto e ristretti a disposizione della Procura reggiana titolare dell’inchiesta. Uno dei due derubati veniva condotto in ospedale e dimesso con una prognosi di alcuni giorni per
contusioni al ginocchio ed alla caviglia riportate in conseguenza del fatto che per evitare di essere investito si era gettato à terra.
 

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *