I ladri di rame non danno tregua: gli operai organizzano ronde notturne alla ceramica Maiorca

18/11/2014 – I ladri di rame imperversano e sono diventati una piaga incontenibile. Al punto che alla ceramica Maiorca di Bosco di Scandiano, un’azienda ceramica storica, purtroppo al fallimento, gli operai in cassa integrazione si sono riuniti sabato e hanno deciso di organizzare le ronde notturne per sorvegliare lo stabilimento.

Martedì scorso la Maiorca aveva subito un grosso furto di rame: “In questa fase in cui le nostre speranze sono legate alla possibilità che un imprenditore rilevi l’azienda – ha dichiarato il sindacalista Giovanni Di Gregorio – non possiamo permettere che la Maiorca subisca ulteriori danni”.

Il furto di rame è avvenuto la notte successiva all’interruzione dell’energia elettrica da parte dell’Enel per alcune fatture da saldare: hanno smantellato una parte dell’impianto elettrico, però non hanno toccato i cavi ancora sotto tensione. “È come se i ladri sapessero dove e come colpire”.

Domenica pomeriggio, intanto, due ladri di rame sono stati colti sul fatto e arrestati grazie all’intervento di un poliziotto libero dal servizio. Li ha notati mentre si davano da fare sul tetto dello stabilimento (chiuso da anni) della Sisa Mortadelle in via Monte Ventasso 19 a Reggio Emilia.

Una volante mandata subito sul posto ha bloccato due pregiudicati di 43 e 48 anni che, utilizzando un paio di forbici e una piccola tronchese, stavano staccando i profili di rame dalla tettoia del porticato di accesso all’ex stabilimento.

Sono stati denunciati alla Procura per tentato furto aggravato in concorso. Nei loro confronti, inoltre, è stata applicata la misura di prevenzione dell’avviso orale.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *