Provincia, Manghi nomina sei consiglieri delegati (metà consiglio). A Enrico Bini la delega alla legalità

7/11/2014 – A conferma che nella “nuova Provincia” di Reggio Emilia è rimasto quasi tutto come prima (salvo l’eliminazione delle indennità di carica e soprattutto la soppressione del diritto dei cittadini a eleggere i propri rappresentanti) il presidente Giammaria Manghi ha nominato in tempo record i suoi assessori: ben sei consiglieri su dodici (la metà del nuovo consiglio di Palazzo Allende, che è di dodici membri più il presidente) hanno ricevuto deleghe operative.

asino ragliaSi tratta di 5 sindaci e un consigliere comunale, tutti componenti dell’attuale assise provinciale. Da rilevare l’attribuzione a Enrico Bini, sindaco di Castelnovo Monti, primo degli eletti ed ex presidente antimafia della Camera di Commercio, delle deleghe a lavoro e legalità.

Attraverso la modifica lampo dell’articolo 57 dello statuto da parte dell’assemblea dei sindaci, che ha introdotto la funzione dei consiglieri delegati, è stato possibile, per Manghi, dotarsi di figure che rendono collegiale il lavoro della Provincia, assegnando le deleghe ad alcuni consiglieri.

Va sottolineato che questi amministratori, diversamente dagli assessori provinciali nelle precedenti legislature, non hanno responsabilità dirette e di firma degli atti, che restano in carico al Presidente. Si tratta di “consiglieri che avranno una funzione di collaborazione e di appoggio alla Presidenza nel lavoro dell’ente, che si trova in una delicata fase di passaggio”.

Così come il Presidente Manghi, il quale presta il suo servizio di Presidente della Provincia senza ricevere alcuna indennità, i consiglieri non percepiranno alcun compenso per il lavoro svolto.

I sindaci scelti dal presidente Manghi sono cinque: Enrico Bini (Castelnovo ne’ Monti), Paola Casali (Bagnolo), Ilenia Malavasi (Correggio) già nominata vicepresidente della Provincia, Alessio Mammi (Scandiano) e Andrea Tagliavini (Quattro Castella). Il sesto delegato è il consigliere comunale Pierluigi Saccardi, già vicepresidente nella Giunta Masini.

Precisa Manghi: “Non si tratta di assessori, ma di un gruppo di persone che lavoreranno insieme a me, per consentirmi di prendere le decisioni migliori sui principali temi di stringente attualità. L’obiettivo è rendere la Provincia, fin da subito – spiega Manghi – più efficiente e operativa, soprattutto nel compiere talune scelte, ad esempio, in settori fondamentali (pianificazione, ambiente, viabilità e trasporti, rete scolastica) che senz’altro resteranno in carico al nostro ente”.

LE DELEGHE

Ilenia Malavasi, classe 1971, è sindaco di Correggio da giugno 2014. Avrà le deleghe a Istruzione, Formazione professionale, Università e Ricerca, Edilizia scolastica.

Enrico Bini, classe 1955, è sindaco di Castelnovo ne’ Monti da maggio 2014. Già presidente della Camera di Commercio di Reggio e della Cna provinciale, negli ultimi anni si è speso soprattutto sul fronte della lotta alle infiltrazioni malavitose nelle realtà produttive provinciali. A lui le deleghe al lavoro e alla legalità.

Paola Casali, classe 1950, è sindaco di Bagnolo dal 2009. Ha ricevuto le deleghe a Welfare, Sanità, Casa e Pari opportunità.

Alessio Mammi, classe 1980, è sindaco di Scandiano dal 2009. Per lui le deleghe a Pianificazione territoriale e Agricoltura.

Pierluigi Saccardi, classe 1963, è consigliere comunale a Reggio Emilia da maggio 2014 ed è stato vicepresidente della Provincia nelle scorse legislature. A lui le deleghe a promozione del territorio, Attività produttive, caccia e pesca, Europa.

Andrea Tagliavini, classe 1976, è sindaco di Quattro Castella dal 2009. Già dirigente della Provincia, ora è delegato a Infrastrutture e mobilità, Sport.

Al Presidente restano in capo le funzioni degli Affari generali, la Programmazione delle Risorse umane e finanziarie, Protezione civile, ambiente e cultura.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *