“Vi spiego perchè la tangenziale Nord non si farà mai”

di Cinzia Rubertelli

«Al di là delle promesse elettorali del Pd, la nuda realtà degli atti dimostra che la tangenziale Nord di Reggio non si farà mai, per precise responsabilità di quel partito che prima ha cambiato i tracciati e poi, in assenza di progetti, ha anteposto il completamento della galleria Bocco-Canala.

Nei documenti pubblicati da Anas per la presentazione delle osservazioni al nuovo tracciato della tangenziale che dovrebbe unire il nuovo casello autostradale a Corte Tegge, non è infatti presente la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera, vale a dire l’atto con il quale si potrebbero avviare le lunghe operazioni di esproprio necessarie per approdare alle successive fasi progettuali e realizzative.

E’ probabile che il motivo di tale assenza sia da ricercare nell’indisponibilità di risorse che deve avere indotto i responsabili del procedimento ad evitare impegni economici privi di copertura.

Ma non solo, perché anche gli strumenti urbanistici comunali (Psc-Poc) non prevedono alcun vincolo espropriativo sulle aree interessate, per cui tutto il lavoro tecnico effettuato sino ad oggi, che è costato parecchie centinaia di migliaia di euro pubblici sia in termini di uffici comunali che in termini di consulenze esterne, resterà un mucchio di carta destinato ad
essere seppellito dalla polvere.

Perché i reggiani hanno pagato dirigenti comunali e consulenti per un lavoro che non troverà un compimento? Una responsabilità politica precisa del Pd reggiano che sull’onda renziana tende sempre di più a sopravvivere di slogan e vacui annunci, come testimonia per altro l’impalpabile azione amministrativa della nuova Giunta».

*consigliere comunale Grande Reggio – Progetto Reggio

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *