Tolleranza zero, controlli continui nelle zone a rischio. La Polizia scopre e arresta ricercato internazionale

3/10/2014 – Dalle 19 di ieri sera e fino a notte inoltrata la Polizia di Stato ha svolto un servizio di controllo straordinario del territorio, finalizzato alla sicurezza delle zone cittadine a rischio degrado sociale.

I presidi e i pattugliamenti hanno riguardato nella prima parte l’area del Parco Cervi, quella della stazione ferroviaria storica, la zona Ospizio, Rivalta e la via Emilia direzione Parma per il contrasto della prostituzione su strada.

A seguito di un controllo in via Pascal veniva fermato  un cittadino straniero in possesso di una carta d’identità italiana che dai successivi accertamenti risultava di nazionalità polacca e destinatario di un mandato d’arresto internazionale emesso in Polonia per reati in materia di truffa. Contattato il Servizio Cooperazione Internazionale di Polizia del Ministero dell’Interno si procedeva all’arresto del 39enne  Kedzierski Sebastian che veniva associato al carcere cittadino.

In particolare veniva controllato un esercizio di alimentari gestito da cittadini africani, in zona Ospizio, luogo ove secondo segnalazioni vi è un attività di spaccio .

L’ispezione della Polizia di Stato non consentiva il rinvenimento di alcuna sostanza stupefacente; all’interno del locale vi erano 9 cittadini africani dei quali 6 con precedenti di polizia.

Durante le fasi del controllo si riscontravano numerose anomalie sui prodotti alimentari per cui si richiedeva l’ausilio di personale della Polizia municipale e della A.U.S.L. per quanto di specifica competenza.

Veniva operato il sequestro di numerosa mercanzia e veniva imposto alla titolare di regolarizzare la sua posizione amministrativa entro 48 ore.

Le attività di controllo consentivano i seguenti risultati :
• Persone controllate​ 58
• Autovetture controllate​ 3
• Cittadini italiani controllati​ 20
di cui 4 con precedenti
• Cittadini stranieri controllati​ 38
di cui 24 con precedenti
• Persone arrestate​ 1
• Esercizi pubblici controllati​ 5

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *