Tenta rapina al sexy shop e ferisce alla gola il titolare. Inseguito e arrestato dalla polizia

16/10/2014 – Un quarantenne originario di Napoli è stato arrestato dalla polizia dopo aver tentato una rapina al sexy shop di via Petrolini a Reggio Emilia: aveva preso al collo il titolare del negozio puntandogli un cutter alla gola.

gif_animate_balli_05Il concitato episodio ieri sera alle 19,30 quando la polizia, chiamata dal sexy shop, si è imbattuta in un dipendente dell’esercizio che inseguiva il rapinatore in fuga.

L’inseguitore, raggiunto dagli Agenti, ha dato la descrizione del rapinatore che al momento della fuga calzava un casco integrale e nella mano destra brandiva un taglierino.

Seguendo le indicazioni fornite, una Volante percorreva via Togliatti addentrandosi nel parco del Noce Nero dove si era diretto il malfattore.

Anticipando l’eventuale via di fuga, una seconda Volante percorreva invece via De Gasperi, quindi via Medaglie d’Oro della Resistenza per fermarsi nei pressi della scuola media Pertini.

Proprio in quella scuola il fuggitivo aveva scavalcato la rete di recinzione sul lato del parco, attraversando poi il cortile dell’Istituto alla volta di via Medaglie d’Oro, dove scavalcava di nuovo la rete per guadagnare l’uscita: ma in quel modo è finito pari pari nelle braccia della seconda Volante.

L’uomo nella fuga aveva sfilato il casco abbandonandolo nel parco, ove poi sarebbe stato recuperato e sequestrato; del taglierino invece nessuna traccia.

Secondo quanto ricostruito, intorno alle 19.30, il fermato, casco integrale in testa e cutter alla mano, era entrato nel negozio dirigendosi verso la scrivania dell’ufficio, ove il titolare lavorava con le spalle alla porta. Il rapinatore tuttavia non aveva notato la presenza del dipendente.

Sorprendendo il titolare lo ha afferrato alle spalle e gli puntato il taglierino al collo. Dopo aver chiesto l’incasso della giornata, nasceva una colluttazione tra i due poiché la vittima, sentendosi in trappola, cercava disperatamente di togliersi la lama dal contatto con la gola.

Alle urla del titolare, il dipendente si è precipitato in ufficio in soccorso del negoziante a mal partito. Colto di sorpresa il malvivente è scappato ma, come abbiamo visto, ha dovuto fare i conti con i poliziotti.

Giuseppe Garofalo, 40enne di Torre del Greco, di fatto senza fissa dimora, coniugato, disoccupato, identificato tramite le impronte digitali, è stato arrestato per rapina aggravata tentata e lesioni personali dolose aggravate.

Il titolare del negozio ha riportato ferite guaribili in 4 giorni salvo complicazioni.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *