Pagliani (Forza Italia): “A Manghi chiediamo i fatti, non le fumose parole di chi l’ha preceduto”

di Giuseppe Pagliani*

14/10/2014 – “Archiviata finalmente la tragica esperienza della Giunta Masini, che si farà ricordare unicamente per i disastri arrecati ai reggiani tutti, occorre che l’Ente Provincia, ancorché evirato nelle sue funzioni primarie dalla riforma di un altro reggiano inadeguato quale è Graziano Delrio, affronti le gravissime emergenze che attanagliano il nostro territorio.

pagliani grassiLe prime dichiarazioni del neo Presidente Manghi lasciano quanto meno perplessi: poche idee, ma confuse non sono certamente il migliore biglietto di presentazione. Tuttavia, noi non ci arrocchiamo nei giudizi della prima ora: vogliamo vederlo all’opera e poi lo giudicheremo nuovamente.

Anche perché vi sono vicende come quella delle partecipate nell’ambito dei trasporti o della Fiera che non possono certo attendere. Occorre decidere e in fretta se si vuole continuare a dilapidare denaro pubblico, spillato dalle tasche dei reggiani, o se si vuole mettere finalmente ordine nelle troppe società partecipate e mal gestite.

Per quanto ci riguarda siamo ben disponibili a dare il nostro contributo d’idee per il futuro del territorio reggiano, a partire dall’imminente Expo 2015, il cui impatto sul piano internazionale ci è ben chiaro, a differenza di coloro che ancora la ritengono una sagra cittadina, o poco più.

Forza Italia lancia dunque la sfida a Manghi sul piano programmatico, atteso che il libero confronto elettorale è stato impedito dalla riforma Delrio. La crisi del sistema industriale, la perdita di centralità del territorio reggiano rispetto a quello emiliano, l’inefficienza di un servizio pubblico essenziale come quello dei trasporti, l’adeguamento delle infrastrutture territoriali: è su questi temi che a Manghi chiediamo da subito i fatti e non le fumose e vacue parole in libertà di chi l’ha preceduto”.

*Consigliere Provinciale di Forza Italia

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *