Emergenza credito alle imprese: 140 commercialisti a convegno col Banco Emiliano

7/10/2014 – Grande adesione al convegno su “Gli strumenti finanziari ordinari e straordinari a supporto della crescita dell’impresa” organizzato dalla Fondazione dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Reggio Emilia e da Banco Emiliano.

All’evento, in programma mercoledì 8 ottobre nell’Aula Magna dell’Università di Modena e Reggio Emilia, in viale Allegri n.9, sono infatti già iscritti oltre 140 commercialisti ed esperti contabili, “a conferma – sottolinea il presidente di Banco Emiliano, Giuseppe Alai – dell’evidente interesse di questi professionisti riguardo al tema del credito alle imprese per le quali svolgono servizi e consulenze e, contemporaneamente, del bisogno di nuovi approfondimenti in una situazione che registra un’esplosione della domanda relativa a situazioni d’emergenza nelle imprese e una sostanziale stagnazione, invece, della richiesta del credito destinato agli investimenti e alle diverse forme cui le imprese possono più agevolmente accedere”.

“Per parte nostra – prosegue il presidente di Banco Emiliano – nel 2014 abbiamo reso disponibili 200 milioni di risorse per nuovi investimenti, e riteniamo importante un ulteriore approfondimento relativo proprio a queste diverse forme di erogazione e alle formule caso per caso più rispondenti alle esigenze delle imprese, in  un rapporto diretto anche con le figure professionali alle quali abitualmente le stesse imprese fanno riferimento per la loro attività”.

Ai lavori- che si avvalgono del patrocinio dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Reggio Emilia e della collaborazione di Iccrea BancaImpresa (la holding Banche di Credito Cooperativo Italiane) – interverranno il presidente di Banco Emiliano, Giuseppe Alai, il responsabile Finanza ordinaria centro-sud di Iccrea BancaImpresa, Daniele Carmine, il direttore generale di BCC Factoring, Oliviero Sabato, e il direttore generale di BCC Lease, Piero Biagi.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *