Cane di due anni gettato nel cassonetto: salvato per un soffio dal trituratore

16/10/2014 – Atto di crudeltà inaudita verso gli animali. A Cavola di Toano (Reggio Emilia) qualcuno veramente senza cuore ha gettato un cane di due anni dentro a un cassonetto, e si è salvato grazie all’attenzione dell’autista del camion di raccolta rifiuti. Altrimenti sarebbe finito maciullato dal trituratore del mezzo.

Ne racconta la storia Settimo Baisi sul Carlino Reggio. L’autista Federico Casali (suo padre e il presidente di AiutAppennin, associazione che si occupa di animali abbandonati) ha controllato dallo specchietto retrovisore l’operazione di svuotamento del cassonetto nel camion. Quando ha visto spuntare il muso di un cane, ha avuto prontezza di spirito di bloccare il compattatore. Una frazione di secondo e per l’animale sarebbe stata una fine orribile.

Rico (il cane è stato chiamato col diminutivo del suo suo salvatore) ha diverse ferite, ma si salverà: ora è affidato alla cure della veterinaria Loretta Boni, con la speranza di rintracciare il proprietario, che certo non può essere l’autore di un gesto tanto crudele.

“Comunque – ha dichiarato la veterinaria – è un cane tanto dolce e di buon carattere che certo non finirà al canile”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *