Ragazzina stuprata davanti alla discoteca Sophia di Baiso: due uomini accusati di violenza di gruppo

9/9/2014 – “Alla luce degli elementi in nostro possesso, siamo di fronte a un fatto di una gravità non comune”. Così il procuratore della Repubblica di Reggio Emilia Giorgio Grandinetti sullo stupro avvenuto la sera di sabato all’uscita della discoteca Sophia di Baiso.

Vittima una ragazza di 17 anni, completamente ubriaca al punto di non essere in grado di reagire. Artefici della violenza non dei ragazzini, ma due giovani uomini di 21 anni, entrambi di Fiorano Modenese, che provvisoriamente sono agli arresti domiciliari.

La Procura li accusa di violenza sessuale di gruppo aggravata. Non saranno colpevoli sino a sentenza passata in giudicato, ma le testimonianze raccolte dai Carabinieri subito dopo il fatto, tra i ragazzi fuori dal Sophia, lasciano pochi dubbi.

“Gli abbiamo gridato di smetterla, di lasciarla stare, ma non c’è stato niente da fare”, hanno detto. Secondo i testimoni, entrambi erano sopra di lei, mezza svestita, e uno degli accusata aveva i pantaloni abbassati. A un certo punto qualcuno ha chiamato i Carabinieri, che fortunatamente erano nei pressi della disco per un servizio di controllo. Per questo è stato possibile raccogliere le testimonianze.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *