La piovra delle fatture false. Il giornalista Marco Gibertini è tornato in libertà dopo tre mesi di arresti

11/9/2014 – Il giornalista Marco Gibertini, implicato nel colossale giro di finanza illegale e di fatture false per decine di milioni di euro, è tornato in libertà dopo tre mesi di arresto preventivo, di cui un mese trascorso in carcere e due mesi ai domiciliari in una casa di proprietà di un amico. La procura di Reggio lo accusa di associazione a delinquere, riciclaggio e truffa ai danni dello Stato nell’ambito dell’inchiesta Octopus sulla maxi frode fiscale da quasi 35 milioni ricostruita dalla Guardia di Finanza tra Reggio Emilia, Napoli e Roma.
Il provvedimento di scarcerazione gli è stato notificato ieri sera. Gibertini, incastrato dalle intercettazioni, ha ammrsso di essere un terminale tra l’organizzazione che finanziava il giro, anche con 150 mila euro alla settimana, e le aziende disposte a entrare nel meccanismo delle false fatture e degli anticipi di liquidità per pagare meno tasse o fare provvista di denaro, stornando a proprio favore gli introiti delle aziende. Tuttavia ha sempre negato di essere l’eminenza grigia dell’operazione, come invece sostiene il pm Valentina Salvi.
Gibertini è comunque sottoposto all’obbligo di firma

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *