Appalto senza certificato antimafia. Domande imbarazzanti al sindaco Pd di Montecchio

26/9/2014 – Dopo aver aver fatto scoppiare la bomba di Brescello e dei rapporti tra Francesco Grande Aracri e i sindaci Coffrini (padre e figlio) con una videoinchiesta-scoop da manuale, Elia Minari e la redazione della web tv Cortocircuito tornano all’attacco, questa volta sull’appalto della scuola media di Montecchio affidato con un ribasso mostruoso a una ditta di Sicignano di Caserta, priva di certificazione antimafia e che alla fine si è dissolta piantando i lavori a metà.

Giova ricordare che per quella storia Elena Montanari consigliera comunale e candidata sindaco del centro destra (la prima ad aver sollevato la questione, con un esposto ai primi di marzo al prefetto De Miro) era stata attaccata duramente e minacciata di querele da parte dell’amministrazione e di esponenti Pd.

Oggi i giovani di Cortocircuito, con lettera aperta, rivolgono alcune domande al sindaco di Montecchio Paolo Colli che non accenna a pentimenti e anzi continua difendere a spada tratta il proprio operato, peraltro politicamente indifendibile.

Sul caso di Montecchio il presidente del Tribunale Francesco Maria Caruso ha detto: “Credo che il sindaco risponderà del suo operato davanti alla Corte dei Conti”.

Ecco le domande rivolte da Cortocircuito a Paolo Colli

“Perché il sindaco di Montecchio non ha indetto un bando a cui potevano partecipare solo aziende con già il certificato antimafia? Dal punto di vista etico, non era forse meglio?

E’ normale che in un cantiere pubblico, per di più di una scuola, operi per due anni un’azienda sprovvista di apposita certificazione antimafia?  

Nessuno ha letto la visura camerale dell’azienda? Nella visura si legge che l’impresa edile Saedil ha dei problemi già da tempo.

Al Comune non è venuto nessun dubbio ad affidare i lavori (per un edificio antisismico) a un’azienda che offriva il 23% di sconto (ribasso), ma che doveva portare mezzi e strumentazione dal Casertano?

Inoltre: perché il sindaco nega i ritardi del cantiere? Perché il Comune di Montecchio, all’inizio di quest’anno, ai giornali ha dichiarato “I lavori della nuova scuola procedono secondo i tempi previsti”?

Per il resto, le frasi già pronunciate dalle autorità di pubblica sicurezza ci sembrano molto chiare.

In ogni modo, rimaniamo a disposizione del sindaco Paolo Colli per un’eventuale nuova intervista di replica”.

Per parte sua Reggio Report è disponibile a ospitare le risposte del sindaco Colli a tali domande.

Nel frattempo la deputata reggiana dei Cinquestelle, Maria Edera Spadoni, ha annunciato un’interrogazione parlamentare sull’appalto di Montecchio e il comportamento del sindaco Colli.

La prossima iniziativa antimafia di Cortocircuito cade a pennello: il 3 ottobre in Sala del Tricolore a Reggio Emilia la web tv ospita il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti e il giudice Giuseppe Gennari. Saranno presenti il sindaco Luca Vecchi, l’assessora Natalia Maramotti e ” le massime autorità cittadine”.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *