Vita, morte e resurrezione di Pulcinella Stramazzo, che si lascia con la sua Rosetta. Antonio Fava giovedì alla Cavallerizza

11/8/2014 – Giovedì 14 agosto,  alle ore 21, nel Teatro Cavallerizza, va in scena Vita Morte e resurrezione di Pulcinella di Antonio Fava.

Grande maschera della Commedia dell’Arte, Pulcinella oltre ad essere, sin dal suo apparire nei primi anni del Seicento, un protagonista assoluto della scena comica, è anche il più importante punto di riferimento per osservare e capire il processo di sopravvivenza storica dell’Improvvisa (o Commedia dell’arte).

A questa importante maschera partenopea della Commedia dell’Arte, ArscomicA, in collaborazione con i Teatri e il Comune di Reggio Emilia, dedica giovedì 14 agosto alle ore 21 nel Teatro Cavallerizza (viale Allegri), nell’ambito di Restate, lo spettacolo di Antonio Fava intitolato Vita Morte e resurrezione di Pulcinella.

In scena Antonio Fava e Cecilia Di Donato. L’ingresso è libero.

«Antonio Fava – dichiarò su La Stampa Osvaldo Guerrieri – non recita uno stereotipo. Questo straordinario reinventore della Commedia dell’Arte deve la propria grandezza e la fama internazionale al modo in cui porta in palcoscenico una civiltà teatrale più mitizzata che conosciuta.

Fava s’incarna nella “commedia all’improvviso” sottraendola alla mitizzazione e quindi allo stereotipo. (…) Canta e recita, ma soprattutto si fa buffone di un pubblico che, secondo la vecchia regola, va blandito, scosso, provocato e, quando è necessario, sfottuto».

Vita Morte e resurrezione di Pulcinella è la ‘Pulcinellata’ di bandiera dell’attività di ArscomicA e della ricerca di Antonio Fava sulla grande maschera italiana-partenopea.

La vicenda vede Pulcinella Stramazzo in conflitto con la sua innamorata, Rosetta Polpetta, che lo lascia. Lui si mette alla ricerca di una donna “alla sua altezza”. Incontra prima la bellissima Caterinea, ma lei ama il bellissimo Silvestreo. Poi è la volta di Donna Taralla, ricchissima neo-ricca, sposata al vecchissimo Tartaglia. Ma lei ambisce a ben altro.

Pulcinella incontra Fosca, misteriosa, strana, a dir poco ‘impossibile’… infine incontra di nuovo Rosetta: si perdonano, si rimettono insieme. E in tutto questo si sviluppano temi tragicomici, propri della grande tradizione pulcinellesca: la fame, l’amore, la paura.

Nell’occasione sarà presentato anche il nuovo libro di Antonio Fava sulla maschera di Pulcinella.

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *