Trascrizione matrimoni gay? No di Pagliani e Elena Diacci: “Opposizione pura e dura”

23/8/2014 – No deciso di Forza Italia alla trascrizione nei registri dell’anagrafe di Scandiano dei matrimoni gay contratti all’estero. Una mozione in questo senso è stata presentata dal gruppo consigliare M5S scandianese, mentre a Reggio l’iniziativa porta la firma della neo consigliera Lucia Lusenti di Sel, nell’ambito di una campagna nazionale del partito di Vendola.

Il no è arrivato da Giuseppe Pagliani, capogruppo azzurro a Reggio, e da Elena Diacci consigliera a Scandiano.

“È profondamente sbagliata la mozione proposta dal gruppo consigliare Movimento 5 Stelle a Scandiano – scrivono Pagliani e Diacci – Pur tutelando con forza ogni comunità discriminata, riteniamo pretestuoso il singolo riferimento ad una sentenza del Tribunale di Grosseto sconfessata da precedenti pronunciamenti di altri tribunali.

Noi riteniamo che la famiglia tradizionale, quella costituita da due soggetti di sesso diverso, sia l’unica forma di famiglia possibile. Da questa ne consegue che la stessa debba essere l’unico nucleo a cui consentire l’adozione di bambini i quali, se neonati o in tenera età, non sono in grado di comprendere l’esistenza, nell’avvio del loro percorso educativo, di due genitori di eguale sesso”.

Pagliani e Diacci preannunciano “sin da ora una serrata opposizione a questa proposta in consiglio comunale e in piazza, a tutela della famiglia tradizionale”.

Be Sociable, Share!

Una risposta a 1

  1. ormai Rispondi

    26/08/2014 alle 10:34

    Ormai si sposano solo loro.
    L’inesperienza fa compiere disdicevoli errori…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *